Firenze adotta Finale Emilia
con supporto amministrativo

Il Comune di Firenze ha aderito all'iniziativa Anci "Adotta un comune terremotato" adottando il comune di Finale Emilia, fortemente danneggiato dai sismi di maggio

La città di Firenze ha deciso, dopo essere intervenuta più volte a sostegno dell'Emilia colpita dal sisma, di non abbandonare le zone terremotate aderendo quindi al progetto dell'Anci "Adotta un Comune terremotato".

Il sostegno che giungerà dal capoluogo toscano sarà rivolto al Comune di Finale Emilia e si sostanzierà in un supporto amministrativo.
Lunedì è stata firmata l'intesa tra il sindaco fiorentino Matteo Renzi e quello modenese Fernando Ferioli e il supporto dovrebbe partire a giorni.
A Finale Emilia saranno dunque inviati ventiquattro funzionari che forniranno un supporto tecnico-amministrativo. Il vitto e l'alloggio saranno forniti dalla protezione civile. Questo darà il via a un protocollo d'intesa tra i due Comuni per una collaborazione in settori come l'istruzione, i beni culturali, le relazioni istituzionali, la cultura, l'economia, il volontariato e il sociale.


Pochi giorni dopo il primo forte terremoto Firenze aveva già mostrato solidarietà: aveva inviato una squadra della protezione civile per allestire un campo base in provincia di Modena e per accogliere e coordinare circa quaranta verificatori di danni inviati a controllare l'agibilità delle case degli sfollati. Ma non solo la squadra di protezione civile toscana si è poi occupata anche della logistica e dell'accoglienza.




Redazione/sm