Forte terremoto in Peru': 7 feriti e case crollate

Una forte scossa di terremoto ha colpito ieri il Perù facendo crollare diverse abitazioni e rendendo alcune scuole inagibili. Non si segnalano vittime, 7 persone sono rimaste ferite

Alle 11.42 di ieri (le 18.42 in Italia) un violento terremoto di magnitudo 7.0 è avvenuto al largo della costa meridionale del Perù. Il sisma ha avuto un ipocentro a 40 km sotto la crosta terrestre ed è stato distintamente avvertito dalla popolazione che si è riversata nelle strade in preda al panico. L'epicentro è stato registrato dall'USGS a 50 km a sud di Acari, nella regione di Arequipa. Il terremoto è stato avvertito fino a Lima, capitale del Perù distante 502 km. Fortunatamente nessun allarme tsunami è stato emesso dopo la scossa.

Secondo quanto si legge in diverse fonti locali alcune case sono crollate nella provincia di Caraveli, diverse frane si sono staccate, alcuni blackout hanno interessato dei centri abitati, le linee telefoniche sono collassate per le migliaia di chiamate in contemporanea e sono stati registrati 7 feriti. Tra i feriti alcune persone rimaste bloccate all'interno di una miniera in seguito ad una frana. I minatori sono stati soccorsi e non ci sono state vittime, diversamente da quanto riportato dalle prime notizie.

L'Istituto Nazionale di Protezione Civile ha comunicato che nel distretto di Chala, nella provincia di Caraveli, sono circa 15 le case inagibili per il crollo della pareti per lo più fatte di argilla. Ad Acari invece 10 case e 12 scuole sono state colpite dal sisma, 2 di queste ultime sono al momento inagibili. Frane di rocce e sabbia hanno bloccato per oltre 2 ore cinque sezioni della strada Panamericana Sud.


Redazione/sm