Gabrielli polemico:
"L'Aquila si ispiri al Friuli"

Oltre che un apprezzamento nei confronti del Friuli, quella di Gabrielli è una stoccata contro gli amministratori aquilani. E non è la prima volta

Gli amministratori de l'Aquila ''dovrebbero venire in Friuli a vedere come si fanno opere per governare'' le emergenze. Lo ha detto a Pordenone Franco Gabrielli Capo del Dipartimento della Protezione civile. A margine di una festa con i volontari della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, Gabrielli si é soffermato sui problemi del capoluogo dell'Abruzzo. ''La situazione dell'Aquila è quella di un territorio martoriato da un sisma particolarmente importante - ha detto -. Un sisma che ha colpito la quinta città d'arte d'Italia nonché il centro storico più vincolato d'Italia. In questo contesto si inseriscono le problematiche del fiume Aderno - ha aggiunto il Capo del Dipartimento - che c'erano prima e resteranno tali fino a quando chi e' al governo del territorio non vi pone in qualche modo rimedio''.

Non è la prima volta che il nuovo capo della Protezione Civile ha un atteggiamento polemico nei confronti degli amministratori aquilani: già qualche settimana fa, pochi giorni dopo il suo insediamento, aveva affermato: "La rappresentazione della cricca, del 'magna magna', del 'volemose bene' che c'è stata stata sull'Aquila non solo non è buona comunicazione ma non fa bene al Paese. All'Aquila la legalità e' stata rispettata in pieno, affermare il contrario e' mistificatorio e rappresenta un vulnus per la credibilità e l'onorabilità di chi ha partecipato alla ricostruzione''.

Gianni Zecca