''Giro d'Italia'': la Prociv berica si prepara alla carovana rosa

E' in corso la più grande esercitazione di protezione civile organizzata a Vicenza. Si testano i collegamenti radio e l'organizzazione della sicurezza per l'arrivo del Giro

E' in corso a Vicenza la più grande esercitazione di Protezione Civile mai organizzata nella provincia. 375 volontari, appartenenti a 55 squadre e organizzazioni provenienti da tutto il territorio provinciale, sono in contatto radio con la sala operativa di Tappa, dove il responsabile del servizio Graziano Salvadore deve organizzare la complessa "macchina dell'emergenza". I comuni coinvolti sono 11, e sono proprio quelli dove fra pochi giorni passerà la "carovana rosa" del Giro d'Italia: Gambellara, Lonigo, Alonte, Orgiano, Sossano, Villaga, Barbarano Vicentino, Mossano, Nanto, Arcugnano, Vicenza. L'esercitazione "Giro d'Italia" è organizzata in accordo con la Regione Veneto e con il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.
La simulazione in corso è una sorta di grande "prova generale" per l'arrivo del Giro, che vedrà impegnati gli uomini della Protezione Civile per garantire la sicurezza della manifestazione. Complessa la gestione del traffico, con i gruppi comunali impegnati con decine di volontari per affiancare le forze dell'ordine. E' necessario garantire la sicurezza dei cittadini, ma anche dei corridori, segnalando in maniera perfetta e coordinata le intersezioni stradali, le rotatorie, i pericoli che i ciclisti troveranno sul percorso.
Fondamentale l'aspetto e la verifica delle linee di comunicazione, telefoniche e radio. La giornata di oggi a Vincenza vuole anche approfondire le capacità operative dei volontari in questo settore: saranno testate le attrezzature e i dispositivi a disposizione delle varie squadre, la copertura radio, la capacità di coordinamento tra diversi gruppi e con il centro organizzativo.
"Ogni anno la Provincia organizza corsi di formazione per centinaia di volontari di Protezione Civile, anche grazie al Centro Servizi Volontariato - ha dichiarato il coordinatore, Graziano Salvadore - questa sarà un'ottima occasione per valutarne i risultati in un contesto con elevata concentrazione di persone, quindi in condizione di particolare stress. Sarà una prova non solo per i volontari, ma anche per gli 11 centri di coordinamento comunali e per la Provincia stessa."

Fonte: VicenzaPiù

red/wm