Grandi rischi naturali: pianificate misure di prevenzione strutturale a lungo termine. Domani a Roma la presentazione

Piani, capitoli di bilancio, incentivi, bonus, cantieri in corso e programmati, linee guida per le progettazioni, nuove opportunità per le città, le famiglie e interi condomini: sono le misure di prevenzione che per la prima volta lo Stato ha pianificato a lungo termine e che verranno presentate domani a Roma nel corso dell'incontro "Prevenzione civile. Dalle emergenze a Casa Italia"

Verranno presentate domani 24 novembre a Roma le misure di prevenzione strutturale a lungo termine per la difesa da grandi rischi naturali pianificate dallo stato. Domani infatti si terrà , nell'auditorium del Centro Nazionale per le ricerche di piazzale Aldo Moro 7, la giornata di lavoro "Prevenzione civile. Dalle emergenze a Casa Italia", organizzata da  #italiasicura, la struttura di missione di Palazzo Chigi contro il dissesto idrogeologico.

"Per la prima volta - scrive
#italiasicura - lo Stato pianifica misure di prevenzione strutturale a lungo termine per la difesa da grandi rischi naturali come il sismico e l'idrogeologico e per il rafforzamento delle infrastrutture del paese. Gli investimenti previsti ammontano a circa 75 miliardi in 15 anni. Domani, nel corso della giornata di lavoro, saranno presentati piani, capitoli di bilancio, incentivi e bonus, cantieri in corso e programmati, linee guida per le progettazioni, nuove opportunità per le città, per famiglie e interi condomini."

E' prevista la partecipazione del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Claudio De Vincenti, del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio, del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, del Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, del Ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, del Rettore del Politecnico di Milano Giovanni Azzone di "Casa Italia", del responsabile di  #Italiasicura  Erasmo D'Angelis, della responsabile di #Italiasicura per l'edilizia scolastica Laura Galimberti, dei presidenti delle Commissioni Ambiente della Camera e del Senato Ermete Realacci e Giuseppe Marinello, di parlamentari, dei presidenti della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini e dell'Anci Antonio Decaro, del Direttore dell'Agenzia per la Coesione territoriale Maria Ludovica Agrò, dell'Ad di Invitalia Domenico Arcuri, enti e soggetti che operano sul territorio, rappresentanti dell'ordine degli ingegneri, dei geologi, degli architetti e delle associazioni di categoria.

red/pc
(fonte: italiasicura)