High Ambition Coalition, 50 nazioni unite per salvare il Pianeta

La coalizione è stata lanciata ufficialmente nel corso del vertice "One Planet Summit" che si è svolta lunedì a Parigi

Ottenere un accordo globale per proteggere almeno il 30% della terra e degli oceani del pianeta entro il 2030 in occasione della COP15 della Convenzione sulla biodiversità del 2021, che si svolgerà dal 17 al 30 maggio 2021 a Kunming, Cina. Questo l'obiettivo che si pone l'High Ambition Coalition, gruppo interregionale di oltre 50 paesi co-presieduto da Costa Rica, Francia e Regno Unito, che promuove un accordo globale per la natura e le persone con lo scopo di fermare l'accelerazione della perdita di specie e proteggere gli ecosistemi vitali che sono la fonte della nostra sopravvivenza e sicurezza economica. La coalizione è stata lanciata ufficialmente lunedì nel corso del vertice "One Planet Summit" che si è svolto a Parigi, ospitato dal presidente francese Macron in collaborazione con la Banca mondiale e le Nazioni Unite.

Perché agire
Per affrontare sia la crisi della biodiversità che la crisi climatica, secondo molti ricercatori metà del pianeta deve essere mantenuta allo stato naturale. Alcuni studi hanno suggerito che il numero dovrebbe essere ancora più alto e altri hanno suggerito leggermente inferiore. Nonostante ciò, gli esperti concordano sul fatto che un obiettivo provvisorio scientificamente credibile e necessario è raggiungere una protezione minima del 30% entro il 2030. Esiste una grande quantità di dati scientifici che documentano la necessità di maggiori obiettivi spaziali per aiutare a raggiungere gli obiettivi relativi alla conservazione della biodiversità, che aiutano a giustificare l'obiettivo 30x30 sia a livello globale che a livello regionale. Quando gli obiettivi di Aichi sono stati stabiliti, nel 2010, circa il 13% delle aree terrestri del mondo erano protette mentre esistevano pochissime protezioni nell'oceano. Attualmente, circa il 15% della terra del mondo e il 7% dell'oceano sono protetti. Per raggiungere l'obiettivo di proteggere almeno il 30% entro il 2030, dovremo raddoppiare le attuali protezioni terrestri e più che quadruplicare le attuali protezioni oceaniche.

red/mn

(fonte: High Ambition Coalition)