Il Soccorso Alpino Trentino forma i tecnici argentini

Si è concluso la settimana scorsa in Trentino un corso di formazione e aggiornamento tenuto dagli Istruttori del Soccorso Alpino Trentino, rivolto a sei volontari argentini provenienti da El Chalten, in Patagonia

I corsi di formazione del SAT, il Soccorso Alpino Trentino, sono arrivati fino in Argentina.
La settimana scorsa infatti sei volontari del Soccorso Alpino di El Chalten, in Patagonia, villaggio nel Parco Nazionale de Los Glaciares ai piedi del Fitz Roy e del Cerro Torre, hanno frequentato un corso di aggiornamento su tecniche di soccorso ed elisoccorso ad Arco (TN), con manovre di corda, calate, recuperi in parete, nozioni di primo soccorso e tecniche di imbarco e sbarco dall'elicottero.
E' stata un'esperienza molto positiva che ha lasciato molto soddisfatte entrambe le parti. La settimana si è conclusa con la cerimonia di saluto nella storica sede del SAT in via Manci a Trento, preceduta dalla visita guidata da Gianluca Tognoni, meteorologo alla sede di Meteo Trentino, dove sono state illustrate le varie tecniche per le previsioni meteorologiche, per poi proseguire alla sede del Sat dove i volontari argentini hanno anche visitato la storica biblioteca e il museo alpino.

In sede di conferenza il progetto è stato illustrato da Camillo Stedile, fondatore del centro di soccorso a El Chalten, Elio Orlandi e Giorgio Giacomelli.
La parola è poi passata al Soccorso Alpino nella figura del suo presidente Roberto Bolza e vicepresidente Walter Cainelli.
Roberto Bolza, oltre che la propria soddisfazione per questa iniziativa, ha riportato le parole dei suoi Istruttori per il buon livello raggiunto e l'ottimo affiatamento all'interno del corso con gli amici argentini.

Il momento più importante sono state forse le parole del gruppo dei Patagonici, da parte del coordinatore Carolina Codò, medico a Chalten e responsabile della Comision, per la grande esperienza sia tecnica che umana ricevuta. "In Patagonia la cultura del soccorso in montagna da parte delle istituzioni è minima, quasi agli albori, come circa 30 anni fa qui in Trentino, non è facile operare in caso di soccorso, le distanze sono enormi e le condizioni difficili, a volte impossibili, poterlo fare con i materiali adeguati e l'aggiornamento continuo è fondamentale".

Il valore sia umano sia tecnico di questa iniziativa è dimostrato dal fatto che la Stazione di Soccorso di El Chalten è un punto di riferimento per tutti gli alpinisti provenienti da ogni parte del mondo.

La giornata poi si è conclusa con una visita alla stazione di Elisoccorso di Trento dove il coordinatore del gruppo tecnico elisoccorso Oskar Piazza, ha illustrato gli elicotteri in dotazione con le rispettive attrezzature.

Lorenzo Arduini