fonte archivio sito

Il tifone Hinnamnor colpisce la Corea del Sud

In due giorni la tempesta ha provocato 10 morti nella zona costiera meridionale del Paese. Pohang la città più colpita

Il tifone Hinnamnor, il più forte di quest'anno, ha colpito a partire da lunedì scorso, 5 settembre, la Corea del Sud causando la morte di 10 persone. I danni maggiori si sono registrati nelle città costiere del Sud. Per timore delle frane e degli allagamenti sono state evacuate, secondo le autorità, circa 3500 persone prima dell'arrivo della tempesta. I treni sono stati sospesi e centinaia di voli cancellati, uffici e scuole sono state chiuse in anticipo. 

Le vittime
La situazione più grave si è registrata a Pohang dove sette persone sono morte dopo essere rimaste intrappolate in un parcheggio sotterraneo durante l'alluvione causata dal tifone. Erano scesi per spostare le proprie macchine ma sono state trascinate da un torrente d'acqua. I soccorritori hanno salvato due persone che sono sopravvissute aggrappandosi ai tubi sul soffitto per più di 12 ore. I soccorsi hanno dovuto guadare metri di acqua marrone per entrare nell'edificio quasi completamente sommerso ieri, martedì 6 settembre. Secondo la stampa locale le nove persone erano tutte residenti in un appartamento in uno stabile e gli era stato detto dalla mattina di martedì di spostare le loro auto dal parcheggio. I sopravvissuti, un uomo di 30 anni e una donna di 50 anni sono ora in condizioni stabili. Il presidente Yoon Suk-yeol ha espresso il suo dolore per quanto accaduto parlando di “disastro”. Il presidente ha poi affermato di aver designato la città come una zona speciale di disastro. Pohang è la città che è stata colpita maggiormente dai danni del tifone. In una zona della cittadina un albergo in riva al mare è crollato sulle suo fondamenta durante la tempesta. Fortunatamente non ci sono state vittime. In totale si contano ad oggi 10 vittime per il tifone Hinnamnor. 

Le altre città
Molte altre città sono state colpite nel Sud del Paese, incluse Busan e Ulsan, che hanno avuto a che fare con la devastazione della tempesta che ha smantellato strade abbattuto le finestre delle case e gli alberi. La Corea del Sud – come molti altri Paesi dell'Asia orientale – ha sopportato negli ultimi mesi piogge estreme e temperature record. Ai primi di agosto ad esempio ha registrato grandi nubifragi che hanno allagato le città, inclusa la capitale Seoul. Anche in quel caso sono morte delle persone, in totale le vittime sono state 8.

red/cb
(Fonte: Bbc)