fonte: Croce Rossa Filippine

Il tifone Mangkhut si sposta in Cina. Almeno 65 vittime nelle Filippine

Sono decine ancora i dispersi sull'isola di Luzon nelle Filippine e si teme che le vittime siano oltre il doppio delle 65 accertate

Il tifone Mangkhut si è abbattuto sulle coste della Cina continentaòe. Nei giorni scorsi ha provocato 65 vittime durante il suo passaggio nel nord dell Filippine e più di 200 feriti a Hong Kong. Molte finestre e tetti di case sono stati distrutti. Molte strade sono state sommerse e intere coltivazioni di riso e mais sono state distrutte dalla tempesta cha ha provocato inondazioni e smottamenti e venti fino a 120 chilometri orari.

2,37 milioni di persone sono state evacuate dalla città di Jiangmen, nel Guandong, in Cina. In questa provincia il tifone ha già provocato due vittime.

Sono decine, invece, ancora i dispersi sull'isola di Luzon nelle Filippine, infatti il bilancio delle vittime è provvisorio e si teme che siano oltre il doppio delle 65 accertate. Sono stati cancellati quasi 900 voli. Le aree più devastate delle Filippine sono quelle della provincia di Cagayan. Tra le vittime accerate ci sono anche 30 minatori morti a circa 200 km da Manila: la galleria in cui lavoravano è stata travolta da una frana.

Una vittima è stata segnalata anche a Taiwan, dove una donna è morta trascinata via dal mare in tempesta.

red/mn

(fonte: Agi, Rainews)