Il Wmo approva il Piano d'Azione per l'Idrologia

È necessario migliorare il monitoraggio e la gestione dell'acqua di fronte alle crescenti sfide idriche, dei rischi legati all'acqua e della qualità dell'acqua

Il Wmo (World Meteorological Organization) annuncia che il Consiglio Esecutivo ha approvato la visione e la strategia per l'Idrologia e il relativo Piano d'Azione (Hydrology Action Plan), manifestando la necessità di migliorare il monitoraggio e la gestione dell'acqua di fronte alle crescenti sfide idriche, dei rischi legati all'acqua e della qualità dell'acqua.

Un problema mondiale
Le risorse idriche sono sotto stress e la crescente domanda sta aggiungendo ulteriore pressione. Il cambiamento climatico sta aumentando la variabilità nel ciclo dell'acqua inducendo un maggior numero di eventi meteorologici estremi, riducendo la prevedibilità della disponibilità di acqua e influenzando la qualità di quest’ultima. Questa cascata di conseguenze minaccia lo sviluppo sostenibile, la biodiversità e il godimento del diritto umano all'acqua e ai servizi igienico-sanitari in tutto il mondo. La frequenza dei disastri legati all'acqua è in aumento a causa dell'aumento dell'intensità degli eventi naturali. Inondazioni, siccità, frane, mareggiate e collassi di laghi glaciali sono sempre più intensi, frequenti e dannosi. Fino al 2030 le iniziative legate all’acqua del WMO dovranno essere pensate al fine di raggiungere le seguenti otto ambizioni:



  1. Nessuno è sorpreso da un’alluvione;
  2. Tutti sono preparati per la siccità;
  3. I dati idroclimatici e meteorologici supportano l'agenda sulla sicurezza alimentare;
  4. Dati di alta qualità supportano la scienza;
  5. La scienza fornisce una solida base per l'idrologia operativa;
  6. Abbiamo una conoscenza approfondita delle risorse idriche del nostro mondo;
  7. Lo sviluppo sostenibile è supportato da informazioni che riguardo l'intero ciclo idrologico.

Le attività necessarie per raggiungere questi obiettivi sono presentate nel dettaglio nel Piano d’Azione, che è il risultato di un'ampia consultazione con la comunità idrologica, inclusi due round online che hanno portato più di 340 commenti da parte di esperti di tutto il mondo. Inoltre il Consiglio Esecutivo della WMO è stato in sessione virtuale dal 14 al 25 giugno, con l'obiettivo di rafforzare e ampliare i servizi meteorologici, climatici, idrici e ambientali. Oltre al Piano d'Azione per l'Idrologia, ha discusso un importante aggiornamento riguardante la gestione dei dati del WMO e di come colmare il divario nel sistema di osservazione globale.

Contenuto tratto da CAE Magazine n.54 - Giugno 2021 a cura di CAE SpA