Inchiesta ''Do ut des'', il Sindaco
Cialente si dimette: ''Un atto di
fedelta' all'impegno assunto''

Ieri le dimissioni del Sindaco de L'Aquila Massimo Cialente in seguito all'inchiesta su presunte tangenti sulla ricostruzione post-sisma del capoluogo abruzzese: il Sindaco non è coinvolto in prima persona nell'indagine, ma fra gli indagati figura l'ex vicesindaco Roberto Riga, già dimessosi la scorsa settimana

Con una lettera inviata al Presidente del Consiglio comunale, Carlo Benedetti, ai Capigruppo consiliari e al Segretario generale del Comune, Massimo Cialente ha formalizzato ieri le sue dimissioni da Sindaco dell'Aquila.
La decisione era stata preannunciata sabato in una lunga e accorata conferenza stampa in seguito all'inchiesta della Procura su presunte tangenti nella ricostruzione, che vede indagato, fra gli altri,  l'ex vice sindaco Roberto Riga, dimessosi la settimana scorsa praticamente in contemporanea con la revoca dell'incarico da parte del Sindaco.

L'indagine in questione, denominata "Do ut des" non coinvolge il Sindaco Cialente, al suo secondo mandato e da circa sette anni alla guida del capoluogo abruzzese, tuttavia il primo cittadino, che appreso dell'indagine aveva dichiarato "sto malissimo, mi sento tradito", ha ritenuto comunque opportuno rinunciare all'incarico. Remote le possibilità di un ritiro delle dimissioni, eventualità tecnicamente possibile ma non in linea con lo stato d'animo dell'ex sindaco Cialente, che in un'intervista televisiva ha dichiarato: "Se non vado via non si capisce quello che sta succedendo. Il governo mi ha abbandonato".
Fra una ventina di giorni è previsto l'arrivo del commissario prefettizio: in caso di dimissioni del Sindaco, infatti, decadono anche la Giunta e Consiglio.


"La mia decisione - scrive Cialente nella lettera con cui formalizza la sua rinuncia - viene assunta in assoluta serenità e consapevolezza di aver sempre agito con scelte positive e per il bene comune. Ringrazio tutti i cittadini che, con il loro affetto e sostegno, mi hanno sempre sostenuto in questo percorso non semplice dal 2007. A loro voglio dire che in questo cammino congiunto e drammatico, per le note vicende del sisma, ho svolto il mio incarico solo ed esclusivamente per servire la città e la sua gente, e tale scelta ha rappresentato sempre la via maestra del mio cammino istituzionale e amministrativo".
"Le dimissioni di oggi - prosegue Calente - sono l'ultimo atto amministrativo di fedeltà all'impegno assunto. Ringrazio di vero cuore anche le istituzioni comunali e territoriali, le organizzazioni e le associazioni, nonché il personale dell'Ente che in questi anni mi è stato vicino per assolvere i tanti impegni ordinari e straordinari della ricostruzione della Città dell'Aquila. A tutti rivolgo un caro saluto"
.


Prima di formalizzare le dimissioni, il Sindaco Cialente ha nominato vice Sindaco l'Assessore Elisabetta Leone, che subentra a Roberto Riga. La giunta lavorerà fino all'arrivo del commissario prefettizio.


red/pc