Fonte ingv

Ingv, concorso per le scuole: i bambini immaginano la scienza del futuro

A cosa serve la scienza? come sarà nel futuro? sono solo alcune domande alle quali i bambini delle elementari potranno rispondere partecipando al concorso per la realizzazione di un calendario per il prossimo anno scolastico

Mai come oggi l’energia, l’immaginazione e l’iniziativa dei giovani sono cruciali per superare le sfide che l’umanità si trova ad  affrontare. E così, in occasione della Giornata dell'Alfabetizzazione Sismica organizzata lo scorso 13 gennaio, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) promuove un concorso dedicato alle scuole primarie per la realizzazione di un calendario da distribuire nelle aule nel prossimo anno scolastico 2020-2021.

Il concorso, “La Scienza in crescita, immaginare la scienza del futuro” chiede ai bambini di realizzare dei disegni con l'obiettivo di stimolare nelle scuole, con la guida degli insegnanti, una discussione su come viene vissuta la scienza dai protagonisti di domani. Un modo per  ascoltarli e osservare cosa vedono i loro occhi. Per scoprire, ad esempio, che immagine offre di sé il mondo della Ricerca, come percepiscono le sue potenzialità e come vedono il lavoro svolto dalle scienziate e dagli scienziati. Osservare il loro punto di vista consente anche di investigare sulle modalità con cui viene oggi comunicata la ricerca scientifica, un settore, mai come oggi, strategico per il futuro dell’umanità. 

Ai giovani partecipanti viene chiesto quindi di sviluppare in particolare i seguenti argomenti : a cosa serve la scienza?; come sono le scienziate e gli scienziati?; come sarà la scienza del futuro?; se fossi una scienziata o uno scienziato cosa inventerei?
Clicca qui per conoscere le modalità di partecipazione. I disegni dovranno essere spediti entro e non oltre il 30 aprile 2020. Al termine del concorso, a tutte le scuole partecipanti verranno inviate copie del calendario e, se il disegno di una studentessa o di uno studente della scuola risulterà vincitore, alla sua scuola verrà inviato anche dell’ulteriore materiale didattico.

Red/cb
(Fonte: INGV)