Foto di Franz Bachinger da Pixabay

Inquinamento acque: 10 nuove molecole da monitorare nella Watch List dell'Ue

Nella Watch List rientrano sostanze che potrebbero rappresentare un rischio significativo per l’ambiente acquatico, ma l’insufficienza dei dati di monitoraggio non consente ancora di giungere a una conclusione circa il rischio reale che rappresentano

Il 22 luglio 2022 è stata pubblicata la decisione di esecuzione (UE) della Commissione Europea, che ha istituito la nuova lista di sostanze da monitorare per la valutazione del rischio ambientale nelle acque dell’Unione Europea. Si tratta del terzo aggiornamento biennale della Watch List, elenco di sostanze selezionate tra quelle che potrebbero rappresentare un rischio significativo per l’ambiente acquatico, ma per le quali l’insufficienza dei dati di monitoraggio non consente di giungere a una conclusione circa il rischio reale che rappresentano.

La Watch List
L’aggiornamento biennale della Watch List è infatti necessario a causa della continua introduzione sul mercato di nuove molecole di sintesi, che richiede un continuo aggiornamento delle normative ambientali. La Watch List è stata istituita nel 2015 con la decisione di esecuzione (UE) 2015/495, modificata una prima volta nel 2018 dalla decisione di esecuzione (UE) 2018/840 e una seconda volta nel 2020 con la decisione di esecuzione (UE) 2020/1161. Con questo ultimo aggiornamento, sono state tolte dall’elenco di monitoraggio tre sostanze (Metaflumizone, Amoxicillina, Ciprofloxacina), il cui controllo era stato introdotto nel 2018. Sono state inserite nell’elenco dieci nuove molecole: tre fitosanitari (Azossistrobina, Diflufenican, Fipronil), tre farmaci e un loro metabolita (Clindamicina, Ofloxacina, Metformina e Guanilurea), e tre agenti di protezione solare (Butil metossidibenzoilmetano, Octocrilene e Benzofenone-3).

Laboratorio italiano
In Italia, il Laboratorio di Arpa FVG esegue già le analisi relative ai monitoraggi previsti dalla precedente Watch List, non solo per i campioni prelevati nella Regione Friuli Venezia Giulia ma anche a supporto per altre Agenzie per la Protezione dell’Ambiente.

red/mn

(fonte: Snpa)