Italia-Francia-Svizzera
insieme per l'emergenza

E' in Italia da oggi il team di tecnici francesi e svizzeri per l'istituzione di una "sismo-equipe" di esperti post-emergenza dei tre paesi

Una delegazione di tecnici francesi del DREAL - Direction Regionale de l'Environnement, de l'Amanagement et du Logement e svizzeri del CREALP - Centre de Recherche sur l'Environnement Alpin sarà in Italia a partire da oggi, martedì 25 fino a venerdì 28 ottobre.
La visita - spiega il Dipartimento di Protezione civile in un comunicato stampa emesso oggi - si svolgerà fra L'Aquila e Roma e si inserisce fra le iniziative del progetto "Interreg Alcotra Strategico Risknat", al quale collabora attivamente anche il Dipartimento nazionale di Protezione civile.
Tale progetto coinvolge Italia, Francia e Svizzera, e si inserisce all'interno del programma pluriennale 2007 - 2013 finanziato dai fondi strutturali destinati allo sviluppo regionale concordati tra la Commissione europea, gli Stati membri e le regioni. Scopo del progetto è rafforzare la cooperazione transfrontaliera in materia di protezione civile nel territorio delle Alpi occidentali, favorire la condivisione di metodi e procedure per una migliore gestione dell'emergenza e superare, in tal modo, le difficoltà relative alla valutazione dei danni causati da eventi calamitosi".

Il programma prevede che i primi tre giorni, vale a dire da oggi fino a giovedì 27, i tecnici franco-elvetici si rechino a L'Aquila per confrontarsi sulle modalità di valutazione dell'agibilità post-sismica. Qui effettueranno sopralluoghi su edifici danneggiati, visiteranno il centro storico de L'Aquila e alcuni alloggi del progetto C.A.S.E, grazie anche alla collaborazione della Regione Abruzzo e del Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Ministero dell'Interno.
Venerdì 28 ottobre la delegazione si sposterà a Roma per visitare la sede del Dipartimento della Protezione Civile, dove sarà illustrata la struttura ed il funzionamento del Servizio Nazionale della Protezione Civile.
Lo scopo di queste giornate incentrate sulla recente esperienza del terremoto abruzzese, - riporta il comunicato - è di lavorare per istituire una "sismo-equipe" italo-franco-elvetica di esperti post-emergenza.


red/pc


fonte: Dipartimento Nazionale Protezione Civile