Fonte twitter Great Barrier Reef Marine Park Authority

La Grande barriera corallina minacciata da temperature sempre più alte

L'allarme degli scienziati australiani: con l'aumento di 1-2,5°C registrato nelle ultime settimane e l'arrivo di El Niño è previsto l'aggravarsi dello sbiancamento dei coralli 

La Grande Barriera Corallina australiana va verso lo sbiancamento dei coralli a causa delle temperature oceaniche più elevate della media. L'allarme arriva dall'Australian Institute of Marine Science (Aims). Con un aumento da 1,0 a 2,5 gradi centigradi registrato nelle ultime settimane, l'oceanografo dell'Aims, Craig Steinberg, ha dichiarato che l'area Patrimonio Mondiale dell'Umanità sta affrontando un' “enorme minaccia”.

“La nostra conoscenza e la comprensione a lungo termine delle acque del Nord Australia ci dicono che il riscaldamento degli oceani esercita un'enorme pressione sull'ecologia della barriera corallina - ha spiegato - Se le condizioni di ondata di calore persistono o peggiorano, possiamo aspettarci che i coralli mostrino stress e sperimentino un certo livello di sbiancamento".

Il processo porta i coralli ad espellere alghe dai loro tessuti e quindi a diventare bianchi e può determinare tassi di crescita stagnanti, diminuzione della capacità riproduttiva, aumento della suscettibilità alle malattie e calo della diversità genetica e delle specie. Il fenomeno è monitorato grazie a satelliti, stazioni meteorologiche e persino ad un robot per la misurazione delle temperature dell'oceano in tempo reale. Oggi infatti esiste una rete di 170 misuratori di temperatura elettronici che sono stati distribuiti nei 350mila km quadrati della barriera corallina.

“Abbiamo impiegato l'aliante subacqueo Imos (Integrated Marine Observing System) nelle aree problematiche delle acque a nord-est di Townsville - ha affermato Steinberg - Con i suoi sensori di bordo, l'aliante fornisce ai nostri scienziati informazioni sulle caratteristiche a diverse profondità della colonna d'acqua, compresa la temperatura e la luce, per aiutare a spiegare i livelli osservati di sbiancamento dei coralli. Conoscere quanto è profondo lo strato superficiale caldo può aiutare a determinare la profondità alla quale i coralli potrebbero subire stress da calore".

Descrivendo la situazione "sul filo del rasoio", l'amministratore delegato dell'Aims, Paul Hardisty, ha affermato che la tendenza al riscaldamento degli oceani significa che la possibilità di eventi di sbiancamento dei coralli è notevolmente aumentata negli ultimi anni.



"Il prossimo grande evento di El Niño, che di solito provoca temperature più calde del mare sulla barriera corallina in questo periodo critico dell'anno, rappresenta un rischio reale. Dobbiamo essere preparati poiché gli oceani continuano a riscaldarsi - ha detto - L'entità e la gravità del danno da sbiancamento del 2016 e 2017 ha messo in luce la minaccia critica che il riscaldamento delle temperature oceaniche pone alle barriere coralline".

Dal momento che i coralli impiegano circa un decennio per riprendersi da un evento di sbiancamento, Hardisty ha affermato che senza una riduzione delle temperature globali, la salute della barriera corallina potrebbe continuare a diminuire. "Se vogliamo salvaguardare le barriere coralline per il futuro, dobbiamo anche iniziare a sviluppare opzioni per intervenire sulla Grande Barriera Corallina per aiutarla ad affrontare meglio i cambiamenti climatici, unitamente alla riduzione delle emissioni globali di gas serra", ha affermato.


Red/cb
(Fonte: La Repubblica)