Fonte archivio sito

La pandemia di coronavirus nel mondo

Secondo l'ultimo aggiornamento della Johns Hopkins University sono 95.555.533 i casi accertati nel mondo da inizio pandemia, 2.040.085 i decessi. In California record di contagi: più di 3 milioni i casi

Secondo l'ultimo aggiornamento della Johns Hopkins University, sono 95.555.533 i casi di contagio accertati oggi nel mondo da quando è iniziata la pandemia. I decessi invece sono arrivati a più di 2 milioni di persone. Il 50% dei morti proviene da Stati Uniti (398.981), Brasile (210.299), India (152.556), Messico (141.248) e Regno Unito (90.031) messi insieme.

Germania
La Germania ha registrato nelle ultime 24 ore altri 11.369 casi di coronavirus e 989 morti, stando ai dati diffusi dal Robert Koch Institute. Con oltre 2 milioni di contagi e 46mila decessi. Per questo motivo la Germania sarebbe pronta a inasprire le restrizioni in vigore nel Paese, per fronteggiare le varianti del virus emerse nelle ultime settimane che lo rendono più trasmissibile. La cancelliera Angela Merkel si riunirà oggi con i leader dei 16 stati federali per decidere le nuove misure. 

Francia 
Gli effetti positivi del coprifuoco anticipato alle 18 sui contagi in Francia cominciano a farsi sentire, ha detto questa mattina il ministro della Salute, Olivier Véran. Nei 15 dipartimenti in cui l'anticipo dalle 20 alle 18 è operativo dal 2 gennaio - ha detto Véran ai microfoni di France Inter - il numero dei nuovi contagi quotidiani è diminuito del 16%. Per il ministro, il calo "non farà arretrare l'epidemia in tempi brevi ma consentirà di stabilizzarla". A livello nazionale, invece, ha ammesso Véran, bisognerà aspettare ancora un po' perché si manifesti l'effetto del coprifuoco, decretato la settimana scorsa e operativo da sabato sera. In ogni caso, "la circolazione del virus resta preoccupante"

Stati Uniti 
Negli Stati Uniti, sempre secondo la John Hopkins University, al 19 gennaio il numero totale di casi accertati è di 24.074.658, con 398.981 decessi. Nelle ultime 24 ore sono stati segnalate almeno 1.440 vittime e 142.588 ulteriori contagi. La diffusione del virus nel paese continua ad essere elevata, con oltre 100mila nuovi casi al giorno dal 13 novembre 2020. In soli 17 giorni si è passati da 20 milioni di casi confermati il ​​1 ° gennaio 2021 a 24 milioni di questa settimana. La California è il primo Stato americano a superare la soglia di oltre tre milioni di casi di coronavirus. Il numero dei contagi nello Stato più popoloso del paese è triplicato nel corso degli ultimi due mesi.  

Cina
Altre tre milioni di persone in lockdown in Cina dopo una nuova ondata di casi di coronavirus. La decisione è stata presa in due città nella provincia nord-orientale di Jilin, Gongzhuling e Tonghua, dopo un improvviso picco di oltre cento casi (118 in tutto) legati ad un venditore ambulante asintomatico. L'uomo aveva infatti attraversato le due città organizzando anche seminari sulla salute ai quali avevano partecipato diversi anziani e vendendo prodotti per la longevità. 

Giappone 
Il Giappone ha rilevato oggi 4.925 nuovi casi di contagio da Covid-19, con 58 decessi. La scorsa settimana il governo giapponese ha allargato lo stato d'emergenza, che era già in vigore a Tokyo e nelle prefetture circostanti, a diverse altre città e aree del paese, tra le quali le città di Osaka, Fukuoka e Kyoto. Il Giappone registra i primi casi non tracciabili della variante di coronavirus inglese nel paese, aumentando il rischio potenziale delle infezioni malgrado lo stato di emergenza in atto. Lo ha annunciato il ministero della Salute nipponico, spiegando che i tre casi identificati nella prefettura di Shizuoka, a sud ovest di Tokyo riguardano due donne tra i 20 e i 40 anni di età e un uomo sui 60 anni, che non sono mai stati in Gran Bretagna. In una conferenza stampa il direttore dell'Istituto nazionale di malattie infettive, Takaji Wakita, ha detto che il contagio con ogni probabilità si è verificato all'interno della comunità, confermando l'alto di livello di trasmissibilità del virus e senza la possibilità di tracciamenti. Gli ultimi casi portano la somma complessiva di positività della nuova variante inglese a 45 in giappone. 

Colombia 
Scatta oggi il coprifuoco a Bogotà mentre la Colombia si appresta ad entrare nel suo terzo fine settimana di lockdown totale. L'aumento dei contagi minaccia di sopraffare gli ospedali della capitale colombiana.  Questa misura è imposta anche a Cali, la terza città più grande della Colombia, con una popolazione di 2,2 milioni di abitanti, fino al 22 gennaio. Il tasso di occupazione delle unità di terapia intensiva negli ospedali raggiunge il 92% a Bogotà. 

(fonte: Ansa, RaiNews)