La Protezione Civile al Congresso della Società Geologica Italiana

Il Dipartimento sarà presente per illustrare le sue attività, dei casi studio e dei programmi utilizzati per il monitoraggio dei rischi naturali.

Il Dipartimento della Protezione Civile parteciperà all'85° Congresso Nazionale della Società Geologica Italiana, che si svolgerà a Pisa dal 6 all'8 settembre 2010. Il Capo del Dipartimento Guido Bertolaso interverrà alla cerimonia di apertura del 6 settembre, mentre il Vice Capo Dipartimento Bernardo De Bernardinis presenterà nella giornata di martedì 7 un contributo dl titolo 'Real time evaluatoin of geological phenomena'.

Nello stand istituzionale, il Dipartimento illustrerà il Sistema nazionale di Protezione Civile, le sue attività e tre casi studio: micronazione sismica nell'area aquilana, frana di Montaguto e ceneri dell'Etna. Presso lo spazio espositivo sarà anche possibile consultare i programmi web DAMA e DEWETRA, due esempi di ricerca applicata a finalità di protezione civile, utilizzati dal Dipartimento per il monitoraggio in tempo reale dei rischi naturali. Nello specifico, DAMA è un applicativo web che permette di visualizzare sinotticamente e consultare i segnali registrati in tempo reale dalle reti di monitoraggio dei vulcani italiani, mentre DEWETRA è un sistema integrato per il monitoraggio in tempo reale, la previsione e la prevenzione dei rischi naturali, in particolare per quanto riguarda fenomeni come incendi e inondazioni, ed è stato sviluppato nell'ambito della convenzione tra il Dipartimento della Protezione Civile e la Fondazoine CIMA - Centro Internazionale di Monitoraggio Ambientale
.

Il congresso rappresenta un'occasione di incontro della comunità scientifica italiana e di confronto sulle tematiche legate alla salvaguardia del patrimonio ambientale, alla difesa dei rischi naturali e allo sfruttamento delle risorse idriche ed energetiche. Oltre alla Protezione Civile vi prenderanno parte rappresentanti delle Università italiane, del CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche - dell'INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - dell'ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale - e diversi rappresentanti istituzionali delle Regioni.


(red - eb)