Fonte sito Cri

Legambiente e Cri insieme per la campagna "Cresce il caldo, cresce la prevenzione"

Due siti, un numero verde già attivo e un vademecum con i consigli per contrastare la crisi climatica e prevenire gli effetti delle ondate di calore

L’Italia è tra i Paesi che rischiano uno dei maggiori aumenti di mortalità associata al caldo. E i giornali nelle previsioni per i prossimi giorni parlano di "Caldo africano". A partire da questi dati è nata l'idea di dar vita ad una campagna che si impegni sia nella lotta alla crisi climatica che nella prevenzione degli effetti delle ondate di calore. A lanciarla con il claim: “Cresce il caldo, cresce la prevenzione” sono oggi Croce Rossa Italiana e Legambiente

La linea diretta
Una novità dell'attività di promozione sociale, che Cri compie ormai da tanti anni, è l'attivazione di un numero verde attivo 24 ore su 24, 800 – 065510 per ricevere informazioni, supporto e assistenza su come prevenire in qualsiasi momento gli effetti negativi di queste condizioni metereologiche estreme.

Siti e vademecum
Fanno parte della campagna anche due siti, quello della Cri: cri.it/ondatecalore e quello di Legambiente legato al suo Osservatorio Città clima cittaclima.it/ondatedicalore. Navigando sulle piattaforme sarà possibile conoscere più approfonditamente le conseguenze del fenomeno delle ondate di calore e consultare un vademecum con consigli utili per prevenirne gli impatti. Dalla tipologia di condizionatori preferibili da installare ai classici consigli sulla sana alimentazione e idratazione durante la stagione estiva, fino a quelli su come proteggersi durante le ore e le giornate più calde.

I dati 
Le sempre più frequenti ondate di calore registrate negli ultimi anni, del resto, mettono a dura prova la salute dei soggetti più vulnerabili, soprattutto nei contesti urbani. L’Italia non fa eccezione, anzi, è tra i Paesi dove potrebbe verificarsi uno dei maggiori aumenti di mortalità associati al caldo, superata nel mondo soltanto da Filippine e Vietnam, in una prospettiva al 2100 e in assenza d’interventi di mitigazione. Guardando ai numeri più recenti disponibili (i dati 2019 del Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio, relativi a 27 città italiane) emerge un eccesso di mortalità particolarmente accentuata nel mese di giugno, con +682 morti: un incremento del 10% rispetto alla media registrata nei cinque anni precedenti. Soltanto tra il 2005 e il 2016, nelle città analizzate i decessi attribuibili alle ondate di calore sono stati 23.880, soprattutto tra gli anziani, i bambini e i malati cronici. I cambiamenti climatici accelerano il fenomeno, con temperature estive sempre più elevate in città, tanto che dal 1960 a oggi a Roma la temperatura è aumentata di 3,65°C, a Milano di 3,34°C, a Bari di 3,05°C e a Napoli di 2,18°C (European Data Journalism Network).

Prevenzione e lotta alla crisi climatica
“Sono ormai diversi anni che attraverso il nostro Osservatorio Cittaclima rileviamo un progressivo aumento delle temperature e ondate di calore sempre più frequenti nei principali centri urbani in Italia, con conseguenze importanti non soltanto per la salute dell’ambiente ma anche per quella dei cittadini, vittime degli effetti diretti e indiretti della crisi climatica. La prevenzione, a tutti i livelli, è senza alcun dubbio l’elemento chiave per contrastarne gli impatti – osserva il presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani – Per questo, riteniamo la campagna lanciata insieme a Croce Rossa Italiana uno strumento efficace ed essenziale per divulgare a quante più persone possibili informazioni utili su comportamenti semplici, ma preziosi, che ciascuno di noi può adottare nella propria quotidianità per ridurre considerevolmente il rischio di esposizione a questi fenomeni”. “Bisogna far capire ai cittadini del mondo e ai loro governi che quando si parla di cambiamenti climatici non si parla del futuro – sottolinea Francesco Rocca, Presidente della Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) - ma del presente. E bisogna anche far capire che il pianeta è un tutto organico e che ciò che accade oggi sotto i nostri occhi e che crea allarme o disagio, è collegato. Ho già avuto modo di sottolinearlo in contesti nazionali e internazionali. Nel solo 2016, secondo l’Organizzazione Meteorologica Mondiale, 23 milioni e mezzo di persone si sono dovute spostare dal loro territorio a causa di drastici effetti del cambiamento climatico. Si continua a reagire ad ogni pioggia intensa, ad ogni allagamento e ad ogni alterazione meteorologica come se fosse un evento eccezionale. Per quanto riguarda il nostro Paese, nessuno vuole capire che il clima della Penisola non è più quello del secolo scorso e che il vecchio adagio secondo cui ‘non ci sono più le vecchie stagioni’ è una evidente e immodificabile realtà. Quando parliamo di cambiamento del clima bisogna spiegare a tutti che non stiamo parlando di un imminente ma contenibile futuro, ma di un presente già in atto”.

red/cb
(Fonte Cri)