Legambiente, Spiagge e Fondali Puliti 2010

Dal 28 al 30 maggio torna l'iniziativa di Legambiente per la cura di coste e fondali. Migliaia di volontari libereranno le spiagge dai rifiuti

Come ogni anno, nell'ultimo week-end di maggio torna l'appuntamento estivo con "Spiagge e Fondali Puliti", un gesto concreto per contribuire alla tutela dell'ecosistema marino. Migliaia di volontari si troveranno su tutto il litorale italiano per contribuire in prima persona, agendo concretamente,a liberare le spiagge e i fondali dalla spazzatura abbandonata. Abbiamo un patrimonio naturale inestimabile, costituito da oltre 7 mila chilometri di litorale, 15 regioni affacciate sul mare, 30 Aree Marine Protette, 8 Parchi Nazionali con perimetrazione a mare e due grandi isole che da sole contano oltre 3 mila chilometri di litorale. Ma questo patrimonio è fin troppo spesso deturpato dalla presenza di rifiuti.

"Il turismo di massa spesso ha un impatto devastante sull'ambiente" ha dichiarato Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia, aggiungendo che "molti scambiano il mare e le spiagge per un'immensa discarica a cielo aperto dove abbandonare i rifiuti". L'iniziativa "Spiagge e Fondali Puliti è volta alla promozione del rispetto del mare e della tutela del territorio. Verranno quindi sensibilizzati i cittadini e i turisti a non sporcare, ma sarà anche "ribadita la necessità di piani spiaggia per difendere e valorizzare le coste, di incentivare il turismo sostenibile, la raccolta differenziata, l'accessibilità alle spiagge e di lottare contro l'abusivismo edilizio" ha aggiunto Tarantini.

"Da una ricerca UNEP del 2009 risulta che il 27% dei rifiuti raccolti sulle spiagge del Mediterraneo è costituito da cicche di sigarette e la percentuale sale al 40% se si considerano gli altri prodotti correlati al fumo come confezioni di tabacco e accendini" ha dichiarato Tarantini. "Spiagge e Fondali Puliti" è la versione italiana di Clean up the med: si tratta di una grande iniziativa internazionale di volontariato con lo scopo di liberare dai rifiuti le abbondanti spiagge di tutto il Mediterraneo, considerato uno dei 25 angoli di biodiversità più importanti del Pianeta.

L'iniziativa ha lo scopo di promuovere il rispetto del mare e la tutela del territorio, e fornirà l'occasione per illustrare a cittadini e volontari le caratteristiche dei delicati equilibri ecologici su cui si regge il sistema spiaggia-duna, e l'importanza del ruolo svolto dalla Posidonia oceanica nel garantire il mantenimento di questi equilibri naturali. Da segnalare, gli eventi di punta in Puglia, tra cui quelli di Polignano a Mare, Trani e Ostuni, dove i volontari sulle spiagge saranno supportati a mare dalla Eco-Pelican 114, un innovativo battello ecologico utilizzato per pulire il mare e le scogliere: con le sue chele aperte raccoglie rifiuti solidi galleggianti e sommersi e consente anche il recupero degli idrocarburi.

  • Tutti gli appuntamenti di Spiagge Pulite sono consultabili sul sito di Legambiente

(red - eb)