Alluvione Livorno (fonte foto: Le Misericordie)

Livorno: ritrovato il corpo della settima vittima. Proclamato il lutto cittadino

Si è spenta ieri pomeriggio la pur flebile speranza di ritrovare in vita la giovane Martina, spazzata via dall'onda di fango che nella notte fra sabato e domenica ha devastato Livorno. All'appello manca ancora un disperso. 40 i livornesi ospitati in albergo. Intanto il Comune ha proclamato lutto cittadino da ieri e fino al giorno dei funerali delle vittime

E' stato ritrovato ieri intorno alle 16,30 in un giardino invaso dal fango, il corpo di Martina Bechini, 34 anni, che risultava dispersa in seguito all'alluvione che ha devastato Livorno. La donna è stata trascinata dalla forza dell'acqua per due chilometri, il ritrovamento è avvenuto nella zona di Antignano.  Sale così a sette il numero delle vittime accertate. Intanto proseguono le ricerche dell'ultima persona che risulta dispersa, Gianfranco Tampucci che viveva in una casa spazzata via dall'acqua nella notte fra sabato e domenica.
Al momento sono una quarantina i livornesi che hanno trovato alloggio nelle strutture alberghiere che si sono rese disponibili a ospitarli.

Nel frattempo sono iniziati i sopralluoghi da parte del Dipartimento centrale della Protezione Civile per l'elaborazione della relazione necessaria alla richiesta di stato di emergenza del territorio.
ieri i tecnici del DPC  hanno visitato le zone colpite dal disastro di Quercianella, Montenero alto e Rio Ardenza, evidenziando le infrastrutture danneggiate e facendo una prima stima degli interventi necessari di ripristino. Domani toccherà a Stagno e a Guasticce. Secondo quanto ha riferito il capo DPC Angelo Borrelli, la richiesta dello stato di emergenza potrebbe arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri già giovedì prossimo.
Dal pomeriggio di ieri è stato ripristinato
il servizio elettrico è stati ripristinato. Tutti gli impianti che si trovavano nelle zone allagate sono di nuovo attivi (a parte la cabina elettrica Lido di Chioma, situata in un'area non raggiungibile a causa del crollo di un ponte). Il lavoro della task force di e-distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete di distribuzione elettrica, proseguirà anche nei prossimi giorni per verificare eventuali ulteriori situazioni nei condomini o nelle abitazioni alluvionate, in collaborazione con Prefettura, Comune di Livorno, Protezione Civile e Vigili del Fuoco.
Da oggi, martedì 12 settembre, è prevista la riapertura delle scuole di ogni ordine e grado nonché dei servizi educativi 0/3 (nidi e spazio gioco) comunali e convenzionati e delle scuole dell'infanzia. Lo ha deciso la vicesindaco Stella Sorgente al termine di una serie di sopralluoghi condotti insieme ai tecnici del comune per verificare lo stato degli edifici.
L'unico plesso che presenta effettivi problemi di agibilità è la Scuola Media Marconi, di P.zza San Simone dove il piano terreno è stato completamente invaso dall'acqua e dal fango.
Sul posto, oltre ai tecnici comunali, è intervenuta la Protezione Civile che ha provveduto a spalare il fango. Nuovi interventi sono previsti questa mattina.
Oggi quindi entreranno in classe i bambini degli asili nido e delle scuole materne, e saranno aperte anche le scuole statali dove il personale insegnante e ausiliario riprenderà servizio in vista dell'avvio delle lezioni che, come prevede il calendario scolastico regionale, sarà venerdì 15 settembre. U
lteriori informazioni sono consultabili sul sito della Provincia di Livorno.
Per oggi alle ore 12 è in programma una nuova riunione tra sindaco, prefetto e tutti i rappresentanti delle forze dell'ordine e delle associazioni di volontariato che partecipano alle operazioni, per fare un nuovo punto della situazione.

Infine il Comune di Livorno ha proclamato il lutto cittadino a partire da ieri 11 settembre e fino al giorno di svolgimento dei funerali delle vittime.
Il lutto si esprimerà con l'esposizione a mezz'asta della bandiera della città,  con un minuto di chiusura degli esercizi commerciali e dei locali di spettacolo - su proposta delle Organizzazioni rappresentative - in concomitanza con l'inizio della cerimonia funebre; con la sospensione di tutte le attività pubbliche ludico-ricreative organizzate dall'Amministrazione comunale da oggi fino alla data di svolgimento delle esequie e con la partecipazione del Gonfalone della città alla cerimonia funebre.
Il comune di Livorno ricorda che per ogni richiesta di intervento e supporto è attivo il numero: 0586 82400
.

red/pc