Maltempo al sud: in Campania esonda il Sarno, in Sicilia molte le frane

Il maltempo ha colpito nel fine settimana diverse zone della nostra Penisola. Al sud Italia molti i danni in Campania e Sicilia

Fine settimana di intenso maltempo su molte zone d'Italia, flagellato in particolar modo il sud, dove si sono avuti fiumi straripati, allagamenti e numerose frane.

CAMPANIA - A Castellammare di Stabia (Napoli) venticinque nuclei familiari, una comunità di recupero per tossicodipendenti e una piccola attività artigiana sono isolati a causa di una frana che ha trascinato a valle parte dell'unica strada di collegamento tra Castellammare e monte Coppola, ai piedi del monte Faito.
Sia a Castellammare sia a Scafati è esondato il fiume Sarno. "Sono al lavoro da questa mattina i tecnici del Genio civile per verificare le condizioni degli argini del Sarno sia in Scafati, sia a Castellammare, dove il fiume è esondato anche in queste ultime ore" ha detto l'assessore alla Protezione civile della Regione Campania Edoardo Cosenza. "In particolare i maggiori problemi si sono registrati alla foce del fiume, in via Ripuaria a Castellammare e a Scafati, dove l'intervento in atto riguarda il centro cittadino: sono già in corso lavori di somma urgenza per il rifacimento degli argini. Altro punto critico è al monte Coppola, nel comune di Castellammare, per una frana. La Sala operativa della protezione civile regionale prosegue il monitoraggio dei fenomeni".
Uno smottamento di lieve entità si è registrato poi sulla provinciale Capri-Anacapri. A Napoli 380 persone sono state sgomberate in via precauzionale da quattro edifici che si trovano nel quartiere Pianura, dopo l'allargamento di una voragine che si era aperta nei giorni scorsi.

SICILIA - Frane, smottamenti, circolazione stradale e ferroviaria in tilt e numerosi allagamenti hanno fatto ieri da cornice alla Sicilia dopo che violente piogge si sono abbattute sull'isola per oltre 24 ore. Gravi i danni sulle linee ferroviarie Palermo-Catania e Palermo- Agrigento.
In provincia di Palermo un violento nubifragio ha interessato i comuni di Corleone, Campofiorito, Bisacquino e Chiusa Sclafani, dove sono state evacuate 40 abitazioni. Sono 28 le ordinanza di sgombero firmate dal sindaco di Bisacquino Tommaso Di Giorgio per il costone roccioso che è crollato in contrada Cozzo Serronello. "La situazione è molto seria - ha detto il sindaco - e siamo rimasti bloccati per ore. Qualche varco nelle strade è stato creato, ma ci sono diverse frane nel territorio che stiamo monitorando".


Redazione/sm