foto: ilgiornaledellaprotezionecivile.it_sarah_murru

Maltempo: allerta temporali al nord. CriticitÀ rossa in Lombardia

Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteo avverse che prevede temporali su Piemonte, Valle d'Aosta, Emilia Romagna, provincia di Trento e Friuli Venezia Giulia

Una perturbazione di origine atlantica ha raggiunto ieri in tarda serata le nostre regioni settentrionali, causando una marcata instabilità che insieme al contributo di aria più fredda porterà precipitazioni a prevalente carattere temporalesco, con possibilità anche di forti grandinate. Lo rende noto il Dipartimento della Protezione Civile che sulla base delle previsioni disponibili ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse che integra ed estende quello diffuso nella giornata nei giorni precedenti e che prevede precipitazioni a prevalente carattere temporalesco su Piemonte, Valle d'Aosta, Emilia Romagna, provincia autonoma di Trento e Friuli Venezia Giulia. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, forti raffiche di vento e possibili grandinate localmente anche di forte intensità.

Sulla base dei fenomeni previsti è valutata per la giornata di oggi:
- criticità rossa per rischio idraulico sul nord ovest e sulla pianura occidentale della Lombardia.
- criticità arancione per rischio idraulico sulla pianura orientale lombarda e per rischio idrogeologico sulla zona delle prealpi centrali lombarde, per la provincia autonoma di Trento e una parte del Veneto.
- criticità gialla Emilia Romagna, Piemonte, Liguria, Valle d'Aosta, i restanti settori di Lombardia e Veneto e buona parte della Toscana.

 
Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull'Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all'evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali sono gestite invece dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l'evolversi della situazione.

 

red/pc

(fonte: DPC)