Maltempo: e' allerta meteo in Sardegna, attesi forti venti e piogge

Un'allerta meteo che attende forti venti e intense piogge interessa oggi la Sardegna. A comunicarlo è il Dipartimento della Protezione Civile. Il maltempo però interesserà, con meno intensità, anche altre zone d'Italia

Piogge forti e venti di burrasca stanno interessando da ieri sera la Sardegna e proseguiranno anche per la giornata odierna.

Il Dipartimento della Protezione civile ha infatti emesso una allerta meteo che attende precipitazioni temporalesche, in alcune zone anche persistenti, e una marcata intensificazione della ventilazione fino a burrasca forte con associate forti mareggiate sulle coste esposte.
In particolare i venti soffieranno dai quadranti meridionali sul centro-sud dell'isola, e da quelli nord-orientali sui settori a nord.

Il maltempo però interesserà anche altre zone d'Italia. Si prevedono infatti precipitazioni sparse, localmente anche a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Trentino, Veneto centro-meridionale, settori costieri del Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Toscana meridionale, Lazio, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, settori tirrenici della Calabria centro-settentrionale e settori meridionali della Sicilia, con quantitativi cumulati generalmente deboli, fino a puntualmente moderati sui settori costieri di Toscana meridionale, Lazio e Campania centro-settentrionale, ove non si escludono isolati fenomeni temporaleschi a carattere intenso o persistente.

Inoltre poi le criticità causate dal maltempo dei giorni scorsi continuano ad interessare vaste zone d'Italia ancora oggi. Il Dipartimento della Protezione civile ha emesso infatti un bollettino di criticità arancione per rischio idraulico sulla pianura occidentale lombarda e per rischio idrogeologico localizzato su gran parte della Sardegna e sulle zone alpine e prealpine della Lombardia. E' stata invece valutata criticità gialla su parte del Piemonte, della Lombardia, dell'Emilia-Romagna, del Veneto, della Toscana, dell'Umbria, delle Marche, del Lazio, dell'Abruzzo, della Campania, su gran parte della Puglia, sul Molise, sulla Basilicata e sulla Sardegna centro-orientale.


Redazione/sm

(fonte: DPC)