Fonte foto: abruzzo.tv

Maltempo in arrivo lunedì,
possibili 'eventi estremi'

La penisola italiana, soprattutto le regioni settentrionali e centrali, sarà colpita lunedì e, stando alle previsioni, nelle 48 ore successive, da una forte ondata di maltempo, dalla quale potrebbero scaturire possibili "eventi estremi", a detta del Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli

E' in arrivo sull'Italia un'ondata di maltempo che potrebbe portare anche ad "eventi estremi, soprattutto nelle zone centrali tirreniche", con "un picco previsto a partire da mezzogiorno di lunedì" ha detto Franco Gabrielli, Capo del Dipartimento della Protezione Civile.
La perturbazione interesserà lo stivale a partire dalla mezzanotte di domenica al nord, spostandosi gradualmente nelle zone centrali tirreniche.

L'ondata di maltempo porterà "una concentrazione di cumulate localizzate in tempi ristretti" e "precipitazioni su vaste aree", ha aggiunto Gabrielli precisando che gli episodi potranno "avere effetti sui bacini primari, come quelli del Tevere e dell'Aniene", e dare luogo a "smottamenti dovuti anche alla fragilità del suolo conseguente agli incendi della scorsa estate".

Il Capo della Protezione civile ha precisato che, nonostante le previsioni non delineino un quadro rassicurante, non bisogna "entrare nel panico ma nell'ordine di idee che questi fenomeni sono sempre più frequenti", specie in Italia dove il territorio è marcatamente a rischio idrogeologico.
Ciò che è importante fare è seguire tutte le indicazioni che vengono diramate dagli organi competenti e di Protezione Civile: se viene lanciata l'allerta è il caso di evitare di andare in macchina nelle ore di maggiore precipitazione, così come fare passeggiate in zone non sicure come in un lungofiume o lungolago, e molte altre raccomandazioni, che sono consultabili sul dito del Dipartimento a questo link.

"L'invito è quello di limitare gli spostamenti nei giorni più critici" riferisce sempre Gabrielli, sottolineando che "gli spostamenti sono il momento in cui gli eventi calamitosi causano i maggiori danni". Per cui "chiediamo ai cittadini che non ne hanno necessità di non spostarsi, soprattutto nel pomeriggio di lunedì".

A Roma la Protezione Civile è in stato di preallerta in vista della forte ondata di maltempo che dovrebbe colpire la città lunedì per 24-36 ore, con precipitazioni che al momento si stimano abbondanti ed intense.
La Protezione Civile della Capitale ha diramato le seguenti indicazioni per i cittadini: "limitare gli spostamenti a quanto di effettiva necessità, ponendo al sicuro i propri veicoli in zone non raggiugibili da eventuali allagamenti, anche per agevolare gli interventi di soccorso. In caso di allagamenti per i quali si renda indispensabile abbandonare la casa, chiudere il rubinetto del gas, dell'acqua e il contatore della corrente elettrica purché tali dispositivi non siano collocati in locali inondabili. In caso di allagamenti rinunciare a mettere in salvo qualunque bene o materiale e trasferirsi subito in ambiente sicuro. E ancora, porre paratie a protezione dei locali situati al piano strada e chiudere o bloccare le porte di cantine o seminterrati, non avventurarsi su ponti o in prossimità di corsi d'acqua, aiutare anziani, bambini e persone diversamente abili e infine prestare attenzione alle indicazioni e messaggi divulgati dall`Autorità, mediante radio, tv e da tutte le fonti di informazione".

Il maltempo resterà sull'Italia all'incirca 48 ore e arriverà da un ciclone in formazione sul Mediterraneo occidentale, scatenato dai contrasti tra l'aria più fresca artica che scende da nord con l'aria più calda e umida in risalita dell'entroterra marocchino e tunisino, e passerà prima dalle Baleari e la Sardegna e poi direttamente verso il Nord Italia e il Centro.


Redazione/sm