Maltempo: temporali al Nord. Allerta arancione in Lombardia

Un po' di refrigerio, con un sensibile calo delle temperature, a partire da oggi al centro-nord e successivamente anche al sud; ma anche temporali, locali grandinate e forti raffiche di vento. Queste le previsioni meteo per oggi, sulla base delle quali è stata valutata allerta arancione sulla Lombardia (nodo idraulico di Milano e Orobie Bergamasche)

Un'aerea di bassa pressione sta portando da ieri sera, condizioni di instabilità sulle regioni settentrionali Italiane , con temporali sparsi, localmente intensi, in parziale estensione alla Toscana, con  un rinforzo dei venti su tutte le regioni con raffiche di maestrale sulla Sardegna; da oggi, lunedì 24 luglio, si registrerà un generale sensibile calo delle temperature al centro-nord e successivamente anche al sud. Pertanto, sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse per  precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Toscana. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.
Dal pomeriggio di oggi  previsti venti da forti a burrasca nord-occidentali sulla Sardegna, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.


Più nel dettaglio, ecco le previsioni meteo per oggi:
-
precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Liguria di Levante, Alta Toscana, Piemonte orientale, Lombardia, Triveneto e pianura emiliana, con quantitativi cumulati moderati, puntualmente elevati su Lombardia orientale e Triveneto;
-
precipitazioni  sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulle restanti regioni settentrionali e su resto di Toscana ed Emilia Romagna, su Umbria, Marche, Lazio settentrionale ed orientale ed Abruzzo occidentale, con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati;
-
precipitazioni isolate, a carattere di rovescio o temporale, su resto di Lazio e Abruzzo, su zone interne di Molise e Campania, su Basilicata orientale, Puglia centrale e sui settori etnei della Sicilia, con quantitativi cumulati deboli.
- visibilità: nessun fenomeno significativo.
- temperature: in generale diminuzione sulle regioni settentrionali e sulla Sardegna, localmente in misura sensibile nei valori massimi; massime in generale diminuzione al centro, localmente in misura sensibile; senza variazioni di rilievo al sud, con valori massimi da elevati a molto elevati specie su Puglia, Basilicata orientale e Sicilia.
- venti: forti di Maestrale, con raffiche di burrasca sulla Sardegna; forti sud-occidentali, con raffiche di burrasca, su Liguria, Toscana e restante Appennino settentrionale; dal pomeriggio tendenti a forti dai quadranti occidentali sulle restanti regioni centro-meridionali; localmente forti di Favonio sui settori alpini centro-occidentali e di Bora sull’Alto Adriatico.
- mari: da molto mossi ad agitati il Mar Ligure, Mare di Sardegna e il Tirreno centro-settentrionale; dal pomeriggio molto mosso il Canale di Sardegna; tendenti dalla sera a localmente molto mossi lo Stretto di Sicilia e lo Ionio occidentale.


Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi:
allerta arancione sul nodo idraulico di Milano e sulle Orobie Bergamasche
• allerta gialla  su Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Lombardia nord orientale, sulla Pianura settentrionale Piemontese, Emilia Romagna, gran parte della Toscana, Umbria, Abruzzo e nel Lazio sui Bacini Costieri Nord, Appennino di Rieti, Bacino Medio Tevere.


Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull'Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all'evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali sono invece gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l'evolversi della situazione.

red/pc

(fonte: DPC)