Maltempo: temporali al Sud. Domani allerta arancione sulla Calabria meridionale

Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse per temporali temporali di forte intensità sulla Sicilia e sulla Campania e dal pomeriggio di domani sulla Calabria meridionale

Il maltempo tornerà ad interessare il nostro Paese nelle prossime ore, quando una vasta area di bassa pressione - già attiva sul Bacino del Mediterraneo - si intensificherà apportando un peggioramento del tempo al Sud ed in particolare sulla Sicilia e sulla Calabria.
Lo rende noto il
Dipartimento della Protezione Civile, che, sulla base delle previsioni disponibili e d'intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L'avviso prevede dalle prime ore di domani, venerdì 10 novembre, precipitazioni sparse, con rovesci o temporali di forte intensità sulla Sicilia e sulla Campania, specialmente sulle zone costiere; dal pomeriggio di domani si prevedono, inoltre, precipitazioni sparse, con possibili temporali intensi, sulla Calabria, specialmente sui settori meridionali. Le precipitazioni saranno accompagnate da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.
 
Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi, giovedì 9 novembre:
- allerta gialla sui bacini costieri del Lazio.

per domani venerdì 10 novembre:
- allerta gialla sui bacini costieri del Lazio, sui bacini costieri della Campania, sull'Abruzzo e l'alto Molise, sulla Sicilia centro-orientale e sulla Calabria centrale e settentrionale.
- allerta arancione sui bacini della Calabria meridionale.


Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull'Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all'evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali sono invece gestite dalle strutture territoriali di protezione civile.

red/pc
(fonte: DPC)