Maltempo: una vittima e 4 dispersi a Taranto. Danni a Grosseto. Allerta meteo sull'Italia

Pesante il bilancio del maltempo di questi giorni, e ancora oggi si attendono ingenti precipitazioni. Il Dipartimento della Protezione civile ha emesso un'allerta meteo. A Taranto allagamenti, crolli, una vittima e 4 dispersi. A Grosseto chiesto lo stato di emergenza regionale, ancora ricerche per l'uomo disperso da sabato notte

Ancora maltempo sull'Italia, specialmente sulle zone ioniche delle regioni meridionali, causato dal sistema perturbato di origine atlantica già responsabile delle intense piogge del fine settimana e di ingentissimi danni, in particolare nel grossetano in Toscana e nel tarantino in Puglia.

E' stata trovata morta questa mattina Rossella Pignarosa, la donna di 30 anni dispersa ieri sera a Ginosa Marina, in provincia di Taranto, dove per tutta la notte si è abbattuto un violento nubifragio. La donna è stata travolta dall'acqua, nei pressi di un ponte che attraversa il torrente Bradano. Oltre alla donna si contano anche altri quattro dispersi. La notte appena trascorsa è stata emergenziale per tutta l'area occidentale della provincia di Taranto: allagate quasi completamente le strade che da Laterza portano a Santeramo in Colle e Altamura in provincia di Bari, crollato un ponticello sulla strada che va da Ginosa a Montescaglioso, in provincia di Matera.

Non va meglio a Grosseto, dove si continua a cercare un uomo disperso nella notte tra sabato e domenica in zona Massa Marittima. L'uomo era a bordo della sua vettura con la moglie e il figlio di 6 anni, tutti di origine svizzera, quando l'automobile è stata travolta dal torrente Satello in piena trascinando via l'uomo e il piccolo. Ieri è stato ritrovato dai vigili del fuoco il corpo del bambino, ma continuano le ricerche del padre.
Il grossetano ha visto in questi giorni numerosi allagamenti e danni conseguenti al maltempo. L'unità operativa di crisi della prefettura di Grosseto ha chiesto il riconoscimento dello stato di emergenza regionale in seguito alla seconda 'bomba d'acqua' che ha colpito il nord della Maremma ieri: dalle 14 infatti l'area di Potassa- Valpiana, nei comuni di Gavorrano e Massa Marittima, è stata interessata da un violento nubifragio. Nell'arco di due ore sono caduti al suolo 68 mm di pioggia in una zona limitata di territorio. Il nubifragio ha colpito in particolare i comuni di Gavorrano, Scarlino, Massa Marittima e Follonica provocando danni significativi. La zona di Potassa è stata interessata da una tromba d'aria, a Prata un fulmine ha danneggiato il campanile e la Gora delle Ferriere a Valpiana ha subito una rottura arginale.

Ma il maltempo persisterà anche nella giornata di oggi, martedì 8 ottobre: il Dipartimento nazionale della Protezione Civile ha emesso un'allerta meteo che prevede precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Calabria, settori ionici della Basilicata, Sicilia - specialmente sui settori orientali - e Puglia, in particolare sulle zone meridionali. I fenomeni, secondo le previsioni del Dipartimento, daranno luogo a locali grandinate, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Le precipitazioni sono previste a carattere diffuso anche su Emilia Romagna orientale e settori di pianura del Veneto, con quantitativi cumulati moderati; si prevedono sparse, localmente anche a carattere di rovescio o temporale, su Toscana meridionale e Lazio, con quantitativi cumulati puntualmente moderati e da isolate a sparse, localmente anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto del Centro, sui restanti settori del Veneto e su Piemonte sud-occidentale, Lombardia, Liguria di Ponente, Trentino, Friuli Venezia Giulia, settori orientali della Sardegna, Campania settentrionale e Sicilia centrale, con quantitativi cumulati deboli o puntualmente moderati. Pioverà anche sul resto del territorio nazionale, con quantitativi cumulati deboli.


Redazione/sm