''La grande onda Kanagawa'' del pittore Hokusai

''Maremoto io non rischio'': nuova campagna sul rischio tsunami

Avrà inizio ad ottobre "Maremoto Io non rischio" la campagna informativa per promuovere la cultura della prevenzione, formare volontari consapevoli e specializzati nella riduzione del rischio maremoto e coinciderà con l'esercitazione internazionale "Twist"

Mentre la campagna informativa sul terremoto "Terremoto - Io non rischio" è giunta alla sua terza edizione e quest'anno coinvolgerà oltre 200 piazze di comuni a rischio sismico su quasi tutto il territorio nazionale, la nuova campagna ''Maremoto io non rischio'' prenderà il via a ottobre 2013.
Entrambe le iniziative si inseriscono nell'ambito della campagna di comunicazione nazionale "Io non rischio" che ha l'obiettivo di informare i cittadini sui rischi presenti in Italia e dare informazioni sulle norme di comportamento.

"Maremoto Io non rischio"  ha l'obiettivo   di promuovere la cultura della prevenzione, formare un volontariato più consapevole e specializzato e avviare un processo che porti il cittadino ad avere un ruolo attivo nella prevenzione e nella riduzione del rischio maremoto.
Sarà una campagna itinerante, che si svolgerà in via sperimentale nella provincia di Salerno nei quattro fine settimana di ottobre,
in contemporanea nei porti e nelle marine di sette/otto comuni costieri coinvolgendo complessivamente 29 comuni costieri esposti al rischio tsunami.

Protagonisti di "Maremoto Io non rischio" saranno i volontari delle associazioni che operano sul territorio, che saranno  formati sul rischio maremoto e andranno a loro volta a istruire altri volontari, diventando così attori di un processo di diffusione della conoscenza. I volontari si muoveranno lungo la costa con  camper denominato Art, Awarness Rising Tool, facendo tappa nei porti e nelle marine.

Nell'ultima tappa di ottobre la campagna coinciderà con l'esercitazione Twist, Tidal Wave In Southern Tyrrhenian sea, progetto  finanziato dall'Unione Europea che coinvolge le più qualificate strutture operative internazionali e punta a testare le sinergie per una più efficace e tempestiva gestione dell'emergenza.  Il progetto Twist prevede un'esercitazione internazionale sul rischio maremoto che si svolgerà a Salerno dal 24 al 27 ottobre 2013  e vedrà la partecipazione di sei paesi europei (Francia, Portogallo, Malta, Spagna, Croazia e Grecia) e di un rappresentante della Commissione Europea. Verrà ipotizzata una frana del vulcano sottomarino Palinuro con conseguente innesco di un'onda di maremoto sull'area portuale di Salerno. Sono previsti scenari operativi in mare e sulla terraferma, con la simulazione di attività di ricerca e recupero dispersi. Saranno testate la risposta del sistema nazionale e locale, con l'attivazione dei vari centri di coordinamento, e il coinvolgimento delle squadre internazionali e degli esperti europei.

La campagna "Maremoto Io non rischio" è  promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile, Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Consorzio ReLUIS - Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, in collaborazione con Ispra - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e Ogs - Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale. 
In totale, saranno coinvolti circa 300 volontari di gruppi comunali e associazioni regionali di protezione civile della Regione Campania e delle sezioni locali di otto organizzazioni nazionali (Anpas, Anai, Avis, Croce Rossa Italiana, Misericordie, Prociv-Italia, Società Nazionale Salvamento, Unitalsi).


red/pc


(fonte: sito web DPC)