Previsioni_meteo_04_02_2016 (fonte: DPC)

Meteo in peggioramento: allerta neve e venti forti

il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse per venti forti su Piemonte, Emilia Romagna, Sardegna, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise con mareggiate lungo le coste esposte e nevicate sull'Abruzzo

L' impulso perturbato, proveniente dal Centro Europa, che interesserà dalle prossime ore il nostro paese, porterà un diffuso peggioramento delle condizioni meteo ed un notevole rinforzo della ventilazione nei bassi strati. Lo rende noto il Dipartimento della Protezione Civile, che sulla base delle previsioni disponibili ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse.
L'avviso prevede dal pomeriggio - sera di oggi, mercoledì 3 febbraio, venti forti dai quadranti settentrionali, con rinforzi di burrasca, su Piemonte, Emilia Romagna, Sardegna, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise con mareggiate lungo le coste esposte.

Dalle prime ore di domani giovedì 4 febbraio  si prevedono nevicate sopra i 500-700 metri, con apporti al suolo da deboli a moderati, sull'Abruzzo e venti forti dai quadranti settentrionali, con rinforzi di burrasca, su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia con mareggiate lungo le coste esposte.

Più in dettaglio per domani si prevedono:
Precipitazioni:
da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio, su Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Lazio e Umbria orientali, Puglia, Basilicata, Campania orientale e meridionale, Calabria e Sicilia settentrionale, con quantitativi cumulati deboli.
Nevicate:
- nel pomeriggio sparse sui settori alpini di confine, con apporti al suolo da deboli a moderati;
- al di sopra dei 500-700 m su Romagna, Marche, Umbria orientale, Abruzzo, con apporti al suolo generalmente deboli, puntualmente moderati sull’Abruzzo;
- al di sopra gli 700-900 m su Lazio orientale, Molise e Campania, sopra 900-1000 m su Basilicata e Calabria settentrionale, con apporti al suolo generalmente deboli.
Visibilità: nessun fenomeno significativo.
Temperature: in sensibile calo al Centro-Sud, specie sul versante adriatico.
Venti: forti, con raffiche di burrasca, settentrionali su tutte le regioni centro-meridionali e la mattina localmente su Liguria e alto Adriatico, in generale attenuazione nel pomeriggio al centro-nord.
Mari: agitati o localmente molto agitati il Mar di Sardegna ed il Tirreno meridionale; agitati i restanti bacini occidentali e localmente l’Adriatico, tendente ad agitato in serata lo Ionio.


Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per domani criticità gialla per rischio idrogeologico localizzato su Abruzzo, Marche e Umbria.
Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull'Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all'evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali e sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori sono invece gestite dalle strutture territoriali di protezione civile.

red/pc
(fonte: DPC)