(fonte foto: news.nationalpost.com)

Migranti, naufragi in Grecia: diverse le vittime

Diverse persone sono morte nel tentativo di raggiungere via mare la Grecia. Ancora tragedie dell'immigrazione

Ancora tragedie dell'immigrazione nel mare greco. Diverse le notizie di naufragi: stando a quanto riportano diverse testate tra domenica e ieri alcuni gommoni e barche sono affondati. 

Decine di imbarcazioni sono approdate domenica sull'isola di Lesbo con a bordo centinaia di siriani. Un gommone gonfiabile, con a bordo circa 70 rifugiati, è esploso a circa 100 metri dalla riva. Numerosi gli abitanti dell'isola intervenuti per portare a riva le persone che erano cadute in acqua, tra cui bambini e almeno un neonato. Non risultano fortunatamente persone che hanno perso la vita.

Invece sono purtroppo almeno 34 i migranti, di cui metà bambini, morti annegati a seguito del ribaltamento di un barcone in legno a bordo del quale c'erano 112 persone al largo dell'isola greca di Fermakonisi, nell'arcipelago del mare Egeo meridionale. L'imbarcazione era partita dalla costa turca che dista pochi chilometri dal territorio greco.

Un altro naufragio, secondo i media locali, ha visto ieri almeno 13 persone, tra cui 4 bambini, morire al largo delle coste sud-occidentali della Turchia, davanti alla penisola di Datca. Secondo le stesse fonti, sarebbero state tratte in salvo 205 persone. Lo scafo naufragato sarebbe partito dalla città di Datca, diretto all'isola greca di Kos.


Redazione/sm