fonte pixabay

Ministero ambiente, al via progetto nazionale di pulizia dei rifiuti marini

Il progetto del ministero prevede che una flotta di navi ogni giorno si occupi della pulizia da idrocarburi, plastica e rifiuti lungo le coste e le foci dei fiumi italiani

Una flotta di 32 navi, da oggi, ogni giorno in tutta Italia, sarà la "spazzina del mare" e lo pattuglierà fino al 2023. Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa ha inaugurato oggi, 1° febbraio, a Fiumicino il servizio antinquinamento a mare che prevede che i mezzi marini puliscano le coste italiane e le foci dei fiumi dagli accumuli di idrocarburi e marine litter (rifiuti marini). L'attività anti marine litter vede in azione l'unità navale anti inquinamento di Castalia. Presenti, tra gli altri, il sindaco di Fiumicino Esterino Montino, il comandante generale delle Capitanerie di porto Giovanni Pettorina, il comandante della capitaneria di Porto di Roma Antonio d'Amore ed i vertici di Castalia e Corepla. Costa assisterà ai primi interventi alla foce del Tevere. L'accordo è stato stipulato tra tra il ministero e il consorzio Castalia. Le navi Castalia, specializzate nel recupero di idrocarburi, ora noleggiate dal ministero dell'Ambiente, raccoglieranno i rifiuti marini galleggianti e in particolare quelli in plastica, sia in aree marine protette che in aree antistanti le foci dei fiumi.

Red/cb

(Fonte: Ansa)