(foto: Marina Militare - repertorio)

Naufragi Lampedusa: i morti potrebbero essere oltre 200

Probabilmente erano 3 i barconi salpati dalla Libia e poi naufragati, a causa del mare forza 8, durante il viaggio della speranza verso Lampedusa. Si temono oltre 200 morti

Purtroppo, come si temeva, il bilancio delle persone morte nell'ultimo viaggio della speranza dalla Libia verso l'Italia potrebbe di gran lunga superare le 29 vittime del gelo giunte ieri a Lampedusa, le quali tra l'altro sembra abbiano un'età media tra i 18 e i 25 anni. A darne notizia è Carlotta Sami, dell'Unhcr, dopo aver raccolto le testimonianze di altri nove migranti soccorsi da un rimorchiatore a oltre cento miglia dall'isola. Complessivamente i gommoni con i migranti a bordo salpati dalla Libia erano tre, "su uno c’erano anche i 29 profughi poi morti assiderati e i 75 superstiti. Su altri due gommoni c’erano più di 210 persone. Di queste ne sono state tratte in salvo solo nove" spiega Sami all'Adnkronos.

Secondo il racconto dei superstiti su un gommone c'erano 105 persone e sull'altro 107. "Uno dei due gommoni è affondato e l'altro si è sgonfiato davanti provocando il panico a bordo". Il naufragio sarebbe avvenuto lunedì pomeriggio, tra le 15 e le 16, a causa del mare forza 8. I nove superstiti sarebbero riusciti a salvarsi rimanendo aggrappati disperatamente ai tubolari prima di essere soccorsi da un rimorchiatore italiano. La zona del naufragio, nonostante le proibitive condizioni meteo, è già stata perlustrata dalle unità intervenute sul posto e da un aereo Atr 42 alla ricerca dei probabili 200 dispersi sulla cui sorte non vi sarebbero purtroppo speranze.


Redazione/sm