ph. @dippi014 (twitter)

Non solo neve. Italia al gelo, morte quattro persone

Temperature polari, neve e vento su buona parte del centro-sud. Disagi e mezzi bloccati sulle strade. La Befana ha portato un'ondata di neve e gelo su mezza Italia (e non è ancora finita). Record registrato in Alto Adige: meno 28,5 gradi. Morte quattro persone, tre sono clochard

L'ondata di aria artica ha portato in Italia un gelo polare che ha fatto quattro vittime tra e che ha portato nevicate abbondanti anche a quote basse sulle regioni del Sud, con difficoltà per la circolazione stradale. Collegamenti a singhiozzo con le isole, viabilità autostradale e circolazione ferroviaria in difficoltà.

Le vittime - A Messina ieri un clochard di 45 anni, originario della Romania, è stato trovato morto in un edificio abbandonato nei pressi dell'imbarcadero dei traghetti. Inutili i soccorsi del 118. Ad Avellino un uomo di 43 anni senza casa, originario di Visciano (Napoli), è stato trovato senza vita al risveglio da un amico che con lui divideva un rifugio di fortuna. Ad Aversa, nel Casertano, si era registrato il decesso di un senzatetto; e sempre nella vigilia dell’epifania, ad Altamura (Bari), una donna di 49 anni era morta battendo la testa sul selciato dopo essere scivolata a causa del ghiaccio.

Temperature a picco - Il picco più basso delle temperature in Alto Adige, dove la colonnina di mercurio nella notte è scesa fino a -28,5 gradi all'anticima di Cima Libera, la stazione di rilevamento più fredda in provincia di Bolzano che si trova in Val Passiria a quota 3.399 metri.
La neve è caduta fitta in diverse zone del Paese, in particolare lungo l'intera dorsale adriatica, anche a quote basse. E' scattato il codice rosso per la autostrada A14 nel tratto compreso tra Valvibrata e Vasto Sud, e per la autostrada A25 nel tratto compreso tra Sulmona ed innesto A/14. Il prefetto di Potenza ha vietato la circolazione, fuori dai centri abitati, dei veicoli commerciali con massa a pieno carico superiore alle 7.5 t per l'intera giornata di oggi, statali e provinciali, con esclusione del tratto lucano dell'Autostrada A3. Analoga ordinanza è stata emessa dal prefetto di Matera.

Neve e disagi - La bufera proveniente dai Balcani ha colpito soprattutto le regioni adriatiche e quelle del sud: le neve, iniziata a cadere già nella vigilia di befana, ha imbiancato Umbria, Marche, Abruzzo (codice rosso sulle autostrade), Molise, Campania (in particolare in Irpinia), Basilicata, Puglia (continua a nevicare su gran parte della provincia di Foggia, in particolare sul Gargano, e a Brindisi), Calabria e Sicilia (a Palermo attivato il numero di telefono 0916733432 per offrire aiuto au clochard). La morsa del gelo ha invece interessato tutta l'Italia. Bloccato l'aeroporto di Pescara, nevicate abbondantementi sulle zone terremotate del centro Italia e in Puglia, soprattutto sul subappennino dauno e sul Gargano; ma anche in Sicilia, in provincia di Messina e Caltanissetta, e in Basilicata.

red/gt