Foto ilgiornaledellaprotezionecivile.it - Sarah Murru

Oltre 3 milioni di euro ricavati
dal concerto pro-terremotati

I fondi, più di 3 milioni di euro, raccolti a favore dei terremotati emiliani con il "concertone" del 25 giugno, saranno destinati ai beni culturali, scuole, ospedali, municipi e al ripristino del lavoro. Massima trasparenza su donazioni e utilizzo che saranno visionabili sul web

Bilancio più che positivo per il concerto di solidarietà nei confronti delle popolazioni colpite dal sisma in Emilia, che si è tenuto lo scorso 25 giugno allo Stadio dall'Ara di Bologna e che ha registrato  oltre 36mila spettatori presenti e circa 6 milioni di telespettatori nella diretta effettuata da Rai 1: oltre 3 milioni di entrate tra biglietti, contributi e sms.

"Nello specifico - rende noto la regione Emilia Romagna - la biglietteria ha incassato 1.097.160 di euro, i contributi ed erogazioni private ammontano a 308.650, la vendita della t shirt "Teniamo botta" di Radio Bruno ha portato 53.810 euro. A questi si aggiungono i contributi raccolti via SMS pervenuti durante la diretta della Rai al numero 45500 della protezione civile (1.918.975). Altre entrate sono ancora in definizione, come quelle della Hearst che devolverà il 10% dei ricavi netti da edicola del numero 27 del settimanale Gioia (del 28 giugno) , di Bologna Fiere e dei Punti ristoro Food & Beverage. Le spese si sono attestate su 269.723,82 euro quando i costi di mercato sarebbero stati di oltre 800mila".

"Un evento irripetibile sotto tutti i punti di vista
- ha dichiarato il Presidente della Regione Vasco Errani - dai tempi rapidi dell'organizzazione, alla disponibilità di tutti coloro che hanno collaborato, fino ai risultati positivi".

Il Presidente inoltre ha sottolineato come "la scelta della solidarietà sia stata alla base del lavoro di tutti: un tratto qualitativo e umano della nostra popolazione che va valorizzato e utilizzato quale motore per la ricostruzione". "Il tema delle donazioni - ha aggiunto - richiede la massima trasparenza e le risorse della solidarietà saranno leggibili in rete a partire dai nomi dei donatori, la quantità della donazione, il progetto a cui viene destinata, i costi e i tempi di realizzazione".


Non ci saranno intermediazioni
ma rapporti diretti con i Comuni che presenteranno, attraverso un'apposita scheda, i progetti alla Regione.

"Le priorità - ha aggiunto Errani - andranno ai beni culturali, scuole , ospedali, municipi e al ripristino del lavoro". Il Presidente ha ricordato in merito che è stato lanciato nei giorni scorsi un apposito bando per la ricostruzione delle scuole. "Ricostruire, meglio e nei centri storici, senza creare sistemi paralleli - ha concluso Errani - velocizzando e sburocratizzando le procedure, con un'attenzione particolare alla legalità negli appalti".

Il presidente di Assomusica Alessandro Bellucci ha sottolineato che è stato raggiunto l'obiettivo di devolvere l'intero incasso alla Regione, grazie al lavoro appassionato degli associati. "Non vi è stato alcun biglietto omaggio - ha affermato - e anche le persone al lavoro e gli artisti hanno pagato il biglietto". Anche sul sito www.assomusica.org si troveranno i dati delle entrate e di come verranno investiti i soldi.

Al concerto, lo ricordiamo, si sono esibiti : Paolo Belli, Alessandro Bergonzoni, Samuele Bersani, Luca Carboni, Raffaella Carrà, Caterina Caselli, Cesare Cremonini, Andrea Griminelli, Francesco Guccini, Luciano Ligabue, Andrea Mingardi, Modena City Ramblers con Cisco, Gianni Morandi, Nek, Nomadi, Laura Pausini, Stadio, e Zucchero.


Hanno organizzato il concerto:
Regione Emilia-Romagna,  Assomusica, Musicando, Progetto Musica, Puzzle Puzzle, Romagna concerti, Estragon, Segnali caotici _Beppe carletti, Studio,s Programmazione spettacoli, Joydis, Radio bruno, Bologna Fc.



red/pc

fonte: uff. stampa Emilia Romagna