(Fonte foto: Agenzia Dire)

Ondata di calore, emergenza nelle città e nelle campagne

A Roma il caldo aggrava l'emergenza rifiuti, mentre Coldiretti segnala problemi alle colture. In alcune città, soprattutto nel Nord Italia, stanno aumentando le concentrazioni di ozono nell'aria, raggiungendo soglie rischiose per la salute

L'annunciata ondata di temperature roventi è arrivata in Italia ha già fatto tre vittime, in Lombardia, Marche e Veneto: un senzatetto cardiopatico a Milano, un pensionato nelle campagne di San Benedetto del Tronto e un'altra persona a Mozzecane, nel Veronese. Nelle prossime ore è previsto il picco per l'emergenza caldo, con ben 16 città italiane da bollino rosso.

A Roma, unica città d'Italia ad avere il bollino rosso per tre giorni di seguito, il caldo aggrava anche l'emergenza rifiuti. Dopo che nelle scorse ore la Regione Lazio ha lanciato l'allarme allertando le Asl rispetto "ai possibili effetti sulla salute pubblica" collegata al "protrarsi della mancata raccolta dei rifiuti", oggi si è verificato in periferia l'ennesimo rogo di rifiuti, che ha provocato fumi tossici e distrutto cassonetti. E dopo l'allarme della Regione Lazio, l'Ama si è concentrata nella raccolta rifiuti proprio nelle aree attorno agli ospedali.

Ma il caldo porta anche altre emergenze. In molte città, soprattutto del Nord, stanno lievitando le concentrazioni di ozono nell'aria, raggiungendo dei limiti che posso creare rischi per la salute in caso di esposizione anche di breve durata per anziani, bambini, donne in gravidanza e persone affette da disturbi respiratori, come è accaduto in Veneto, in Trentino-Alto Adige e in molte province lombarde, con picchi nella provincia di Monza e in Brianza, e nel modenese. In tal caso, i comuni invitano le persone più sensibili a evitare le attività più faticose nelle ore di maggiore concentrazione di inquinanti, che sono quelle comprese tra le 13 e le 19. Le amministrazioni di tutta Italia nel frattempo corrono ai ripari, invitando a non uscire nelle ore più calde e predisponendo piani ad hoc, con numeri dedicati soprattutto ai soggetti più a rischio come gli anziani. A Milano da oggi e per tutta l'estate saranno distribuite 10mila bottiglie da mezzo litro di acqua naturale fresca, succhi di frutta e bevande energetiche donate dal Banco Alimentare della Lombardia dai volontari di Fondazione Progetto Arca in collaborazione con l'amministrazione comunale.

Danni anche alle colture, come segnala la Coldiretti, che sottolinea come le alte temperature abbiano provocato perdite dal 10% al 30% del raccolto in alcune aziende della pianura padana dove si registrano i picchi di calore più elevati. Dalle angurie che mostrano evidenti segni di scottature con sfregi bianchi sulla buccia ai peperoni ustionati con macchie marroni che li rendono invendibili. Con le temperature superiori ai 35 gradi anche le piante sono a rischio stress idrico e colpi di calore che compromettono la crescita dei frutti negli alberi, bruciano gli ortaggi e danneggiano i cereali. Con il grande caldo – continua la Coldiretti – l'emergenza si sposta anche nelle campagne, dove gli agricoltori sono costretti a ricorrere all’irrigazione di soccorso per salvare le coltivazioni in sofferenza per le alte temperature, dagli ortaggi al mais, dalla soia al pomodori.

La Croce Rossa intanto ha attivato il numero verde gratuito 800-065501, attivo h24 e sette giorni su sette per chiunque abbia bisogno di sostegno, assistenza e consigli – con una particolare attenzione alle persone sottoposte a maggiori pericoli per la salute come bambini e anziani.

Chiamando l'800-065510, l'utente riceve risposte e soluzioni alle emergenze grazie alla solida rete di Comitati in tutta Italia e alle centinaia di migliaia di volontari pronti ad aiutare in un delicato periodo dell'anno in cui è più difficile richiedere assistenza. È consultabile anche l'
APP Caldo e Salute, realizzata dal ministero della Salute in collaborazione con  il Dipartimento di Epidemiologia del servizio sanitario della Regione Lazio - ASL Roma 1. La APP è disponibile online per dispositivi Android su Google Play e per iOS su App Store.
red/gp

(Fonte: ANSA, Coldiretti)