fonte Archivio sito

PC Liguria, 30mila euro per prevenire il rischio alluvioni

I fondi del progetto interregionale Francia-Italia marittimo, Proteina-3Evolution, verranno utilizzati per nuove apparecchiature di monitoraggio nell'area dello spezzino

Nuovi ponti radio e nuovi apparecchi portatili e fissi nelle scuole e nei centri operativi comunali dello spezzino. Un modo per garantire una migliore gestione del rischio alluvione in un territorio spesso colpito da questo fenomeno. È di oggi la notizia che ad Ameglia e Arcola verranno sostituiti due ponti-radio, installate 6 nuove radio fisse e 41 portatili suddivise nei due Coc e nei 13 plessi del comprensorio scolastico dei due Comuni, per un investimento complessivo di 30mila euro.

Il progetto
Prosegue così in Liguria il progetto transfronaliero Interreg Italia Francia Marittimo 2014-2020 Proteina-3Evolution, per migliorare la capacità di prevenzione delle alluvioni dei territori, favorendo lo sviluppo di comunità preparate di fronte alle emergenze, e per potenziare, allo stesso tempo, le reti e gli strumenti di monitoraggio. “Parte oggi nei due Comuni spezzini questa attività operativa di sostituzione dei ponti radio e installazione dei nuovi apparecchi – spiega l’assessore regionale alla Protezione civile Giacomo Giampedrone - fondamentali per rendere più efficace la comunicazione tra i Centri operativi comunali e le scuole, in caso di emergenza. L’obiettivo del progetto è infatti quello di affiancare i Comuni per renderli più consapevoli dei rischi presenti sul proprio territorio”.

Nuove generazioni
Nel progetto, come detto, saranno coinvolte anche le scuole, questo affinché anche i più giovani: “Diventino protagonisti dei Piani di Protezione Civile e non più semplici utenti, alimentando una cultura di protezione civile diffusa nella consapevolezza che, in caso di emergenza, questo può fare la differenza per salvare vite umane. Anche questo è un tassello del modello ligure che, a seguito delle novità introdotte con il nuovo codice della protezione civile, è ormai diventato un esempio virtuoso a livello nazionale” ha concluso Giampedrone. 

I partner del progetto
Oltre alle due istituzioni capofila Regione Liguria e Fondazione Cima, il progetto coinvolge anche Città Metropolitana Genova, Office Environnement Corse, Mairie d’Ajaccio, Service Départemental d’Incendie et de Secours de la Haute-Corse, Région Provence-AlpesCôte d’Azur, Département du Var, Ville de Nice, Regione Autonoma della Sardegna, Regione Toscana, Consorzio LaMMA, ANCI Toscana, Autorità di Bacino del Fiume Arno. Oltre ad Arcola e Ameglia, il progetto coinvolge anche i Comuni di Albenga, Campomorone, Sant’Olcese, Serra Riccò, Mignanego, Ceranesi: complessivamente si tratta di 70mila abitanti, di cui 20mila residenti in aree a rischio, e 8mila ragazzi.

Red/cb

(Fonte: Regione Liguria)