Immagini di repertorio dei giorni successivi al crollo

Ponte di Genova, Conte e Toninelli alla demolizione ufficiale

"Passo importante che ha un alto valore simbolico", commenta il commissario Bucci. E nel frattempo il governo assicura: "entro il 15 aprile 2020 il nuovo ponte sarà collaudato e aperto al traffico"

Il premier Giuseppe Conte e il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli sono in questo momento a Genova per assistere alla cerimonia del taglio della trave gerber del moncone ovest del Ponte Morandi che dà ufficialmente e visivamente il via alla demolizione del moncone. Un "passo importante che ha un valore molto simbolico perché verrà giù il primo grosso pezzo di ponte", ricorda il commissario alla ricostruzione e sindaco di Genova Marco Bucci.

Tecnicamente il taglio è già cominciato ieri, dopo che nelle scorse settimane il viadotto è stato alleggerito per quanto possibile portando via tra asfalto e new jersey circa 3 mila tonnellate di materiale. La gerber è la trave in più tronchi collegati tra loro da una cerniera contigua alla pila 8 del Morandi, sul lato a ponente del viadotto. Si sta procedendo al taglio per poterla quindi smontare: oggi verrà dunque calata da un'altezza di 48 metri, primo momento evidente della demolizione della struttura crollata il 14 agosto scorso. Il premier Conte farà anche due visite private all'Istituto italiano di Tecnologia e all'ospedale pediatrico Gaslini.

"Entro il 15 aprile 2020 il nuovo ponte sarà collaudato e aperto al traffico - ha commentato intanto il viceministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Edoardo Rixi - secondo il cronoprogramma del contratto sottoscritto dal Commissario straordinario Bucci e dalle imprese, che fissa in 190 giorni il periodo per la demolizione e in 382 quello per la ricostruzione. Le penali salatissime, fino a 202 mila euro al giorno per ritardo nell'esecuzione, per la prima volta inserite in un contratto di opera pubblica, faranno sicuramente da deterrente agli allungamenti dei tempi e contribuiranno a dare certezze dei tempi stabiliti. Sicuramente è una grande sfida che l'Italia e le imprese coinvolte hanno raccolto e potrà rappresentare un modello anche per il futuro nella realizzazione delle opere pubbliche". Il viceministro Rixi ha  risposto ieri in commissione Ambiente alla Camera a un'interrogazione in merito ai tempi di realizzazione del nuovo ponte Morandi di Genova.

red/gp

(Fonte: ANSA)