Fonte Twitter Vigili del fuoco

Prociv Abruzzo, al via la nuova campagna antincendio

Sono stati formati circa 1.000 volontari, assegnati nuovi moduli AIB e acquistate 70 nuove radio, inoltre è stato firmato con i Vigili del Fuoco un accordo quadro triennale, in arrivo anche un secondo elicottero 

L’Abruzzo e la sua Agenzia Regionale di Protezione Civile si prepara ad affrontare la campagna AIB 2022, mettendo in campo strategie e potenziando la struttura di risposta. Dopo una stagione invernale segnata dalla siccità e un’estate che si preannuncia già dai primi segnali come calda e poco piovosa, il rischio incendi boschivi si alza in maniera notevole. Questo in special modo in regioni ad alta estensione boschiva quale l’Abruzzo.

Anno nero
Il 2021 ha duramente colpito il territorio abruzzese con 90 incendi fronteggiati, per un totale di oltre tre mila ettari censiti andati in fumo. Nella prima settimana di agosto, complici la bolla africana, lo spirare di forti venti bollenti e lo zampino umano, si sono innescati numerosi incendi in zone montane e pedemontane, ma anche al centro della città di Pescara, che si è vista ferita al cuore dalle fiamme divampate nella pineta dannunziana che ha lambito case e stabilimenti balneari, provocando l’evacuazione di circa 800 cittadini. L’eccezionale ondata ha richiesto un grande sforzo alle autorità e alle associazioni di volontariato e sottolineato la difficoltà nella gestione degli insufficienti mezzi, soprattutto aerei, a disposizione dell’Ente regionale.

Legislazione
La Regione Abruzzo ha approvato il proprio Piano Regionale per la programmazione delle attività di previsione e lotta contro gli incendi boschivi nel 2012, ma già in linea con quanto ribadito dal DL 120/2021 convertita in L. 8 novembre 2021 n. 155. Negli anni successivi sono stati effettuati aggiornamenti relativamente alla rilevazione statistica degli incendi degli anni precedenti e delle aree a rischio, nonché nelle specifiche aree dei tre Parchi nazionali e delle Riserve, mentre è oramai da revisionare la parte generale che è rimasta ferma per quanto riguarda, ad esempio, la mappatura delle strade forestali

Nuovo equipaggiamento e più volontari
Le previsioni per la stagione estiva non sono delle più rosee e la Regione Abruzzo ha previsto numerose iniziative di lotta attiva in vista della campagna AIB che andrà dal 4 luglio all’11 settembre. Il Direttore dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile Mauro Casinghini ci ha raccontato quali azioni sono state intraprese. “Abbiamo intanto formato circa 1.000 volontari nella lotta attiva AIB e acquisito 70 nuove radio oltre alle 100 già presenti che sono state ritirate per manutenerle e revisionarle e saranno consegnate a breve”. Anche per i moduli AIB è stata effettuata manutenzione e ne sono stati assegnati di nuovi alle associazioni, oltre all’allestimento di Unità Operative Boschive con l’ausilio di mezzi Unimog.

Accordo con Vigili del Fuoco
“L’APC è pronta – continua Casinghini – anche nella sistemazione della Sala Operativa Unificata Permanente dove si collocheranno operatori dei Carabinieri, dei Vigili del Fuoco e dei volontari. Proprio ieri (21 giugno - Ndr) con i Vigili del Fuoco è stato firmato un accordo quadro triennale associato a un’intesa operativa da stabilire annualmente”. L’Accordo prevede l’integrazione di una squadra per provincia per la specifica funzione e la disponibilità di 50 DOS – Direttore delle Operazioni di Spegnimento. Nel rispetto della L. 155/2021 è stato, inoltre, istituito un Presidio Rurale a Montereale in provincia di L’Aquila, uno dei primi sei in Italia sui trenta previsti nel piano 2022-24. Siglato anche l’accordo con i Carabinieri Forestali.

Potenziamento flotta aerea e formazione
Il Direttore ci annuncia l’arrivo di un secondo elicottero nella flotta aerea regionale, la cui gara per l’acquisto è in fase conclusiva, che andrà a potenziare la risposta dal cielo.  Un’intensa attività di formazione è stata svolta anche per gli addetti dell’Agenzia con corsi per COS Coordinatore delle Operazioni di Spegnimento, per Operatori di SOUP e per Operatori AIB. Dai fondi stabiliti dalla stessa L. 155/2021 è in previsione l’acquisto di mezzi e attrezzature, ma che con ogni probabilità saranno disponibili per la Campagna 2023, in quanto i fondi non sono ancora arrivati alla Regione.

Importanza della prevenzione
L’Agenzia di Protezione Civile Regionale è quindi pronta ad affrontare una calda stagione sul territorio abruzzese con tutti gli operatori del settore al livello massimo di attenzione e di preparazione, ma ogni programmazione di intervento non può ritenersi sufficiente se manca, però, una politica attiva di prevenzione: la scarsa manutenzione dei boschi, l’assenza di interventi di selvicoltura, di diradamento arboreo creano una fitta vegetazione di sottobosco che rendono difficile l’avvicinamento, oltre ad aumentare in maniera esponenziale il potere calorifero in caso di incendio. 

Fabio Ferrante