Progetto LIFE PrepAir contro lo smog nel bacino padano: a Trento i 18 partner e oltre 100 addetti

Si sono riuniti a Trento i 18 partner del progetto LIFE IP PREPAIR (Po Regions Engaged to Policies of AIR) per definire le modalità e le future azioni da intraprendere per migliorare la qualità dell'aria nel territorio che va dal Bacino Padano alla Slovenia

Si è concluso ieri, a Trento il meeting di due giorni del progetto europeo LIFE IP PREPAIR (Po Regions Engaged to Policies of AIR).  Circa un centinaio gli addetti ai lavori provenienti dalle Regioni e dalle Agenzie ambientali del Nord Italia e della Slovenia hanno partecipato e definito le modalità per garantire il migliore proseguimento del progetto. Il progetto PREPAIR ha l'obiettivo di mettere in campo azioni coordinate ed integrate per il miglioramento della qualità dell'aria nel territorio che comprende il Bacino Padano e la Slovenia, grazie al coinvolgimento di 18 partner appartenenti al territorio di interesse (Regione Emilia-Romagna, capofila del progetto, le Regioni Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trento,  le  Agenzie ambientali di Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Agenzia per l’ambiente della Slovenia; le città  di Bologna, Torino e Milano; le società in-house Ervet e Fondazione Lombardia per l’Ambiente).
La prima giornata del meeting è stata dedicata agli incontri tematici nei quali sono state discusse nel dettaglio le azioni di progetto; nelle sessioni plenarie è stato presentato quanto fatto rispetto agli impegni presi con la Commissione europea e sono state condivise le prossime attività.

Sono stati inoltre approvati ufficialmente i format didattici di due corsi di formazione tecnica rivolti ai professionisti. Il primo corso è denominato "Riqualificazione ambientale dell'edilizia privata: ripartire dai condomini" e la prima edizione si sta svolgendo a Trento in queste settimane. E' rivolto alle figure coinvolte nel processo di riqualificazione dei condomini: amministratori, tecnici, imprese, banche ecc e punta ad un coinvolgimento sinergico e attivo di tutte le categorie, con la creazione di una filiera organizzata, partendo dalla figura dell'amministratore di condominio. Le tematiche affrontate mirano a fornire una preparazione intersettoriale sui temi dei costi/benefici e sugli aspetti economico finanziari della riqualificazione, per poi applicare quanto appreso su casi studio concreti.
Il secondo corso di formazione è rivolto a progettisti, installatori e manutentori di impianti domestici a biomassa legnosa e verrà attivato nei prossimi mesi. L'obiettivo è fornire conoscenze approfondite sull'importanza di una corretta progettazione e manutenzione degli impianti termici per garantire alti standard di sicurezza e limitare gli impatti in termini di inquinamento atmosferico. Territorio pilota è il Trentino in quanto per entrambi i corsi le strutture provinciali hanno coordinato le relative azioni di progetto e realizzato a Trento la prima edizione. Per entrambi, è prevista un'edizione all'anno per quattro anni.


La seconda giornata è stata dedicata alla riunione dello Steering Committee di progetto, composto dai rappresentanti di tutti i partner, che si occupa delle strategie e degli indirizzi generali dei progetto. Si sono infine affrontati gli aspetti amministrativi e di comunicazione, ambiti fondamentali per il successo del progetto.

Per maggiori informazioni sul progetto: www.lifeprepair.eu

red/pc
(fonte: Provincia TN)