fonte foto: Regione Emilia Romagna

Protezione civile, a Piacenza il Polo logistico nazionale del Nord Italia

Fondamentale il lavoro di squadra tra Regione, Dipartimento nazionale e Comune. Oggi la presentazione del progetto con il capo dipartimento Fabrizio Curcio, l'assessore Paola Gazzolo e il sindaco di Piacenza Paolo Dosi

Torna a Piacenza il Polo logistico nazionale di Protezione civile con una nuova struttura per attrezzature e materiali, dove troveranno spazio anche il Coordinamento provinciale del volontariato di protezione civile e le attività di formazione regionali per la logistica. Il centro sarà il punto di riferimento per il Nord Italia in caso di emergenza.

La struttura sorgerà in località Montale, su un'area di 10 mila metri quadrati, grazie ad un accordo urbanistico che vede coinvolti l'amministrazione comunale e un soggetto privato e sarà ceduta all'amministrazione entro il prossimo mese di giugno. Entro l'anno l'attuale proprietario realizzerà due fabbricati rustici con struttura prefabbricata antisismica da destinarsi a nuovo Polo logistico nazionale. Le opere di completamento saranno svolte dal Comune con un investimento stimato in 1 milione 900 mila euro, dei quali 1 milione messo a disposizione dalla Regione.

Il nuovo Centro logistico nazionale di Protezione Civile radunerà in modo razionale e organizzato, anche per tipologia di rischio, tutte le attrezzature necessarie allo svolgimento delle attività emergenziali e addestrative. I due fabbricati saranno adibiti a magazzini, uffici e zona formazione, mentre i piazzali serviranno come area di deposito all’aperto e parcheggio. Verranno stoccati circa 150 container con tende, condizionatori ed impianti per i campi di accoglienza, 450 ceste metalliche per tende, 24 torri fari carrellate, 8 generatori carrellati, 230 bancali con accessori per tende.

Questa mattina, a Piacenza, alla presentazione del progetto del nuovo Centro logistico nazionale di protezione civile, erano presenti l'assessore alla Protezione Civile regionale Paola Gazzolo, il capo dipartimento Fabrizio Curcio, il sindaco Paolo Dosi e l'assessore comunale Silvio Bisotti.
"Da subito nel 2013, quando la precedente sede del Polo è stata chiusa, abbiamo messo a disposizione i magazzini regionali per accogliere il materiale: è stata una scelta strategica, la premessa per poterlo riportare a Piacenza" ha spiegato Gazzolo, ricordando come le attrezzature siano state impiegate anche nel corso dell'emergenza sisma in Italia centrale. "Ora - ha concluso l'assessore regionale - il lavoro continua, per giungere al più presto a dotare la città di Piacenza di una struttura che la rende strategica su scala nazionale nel campo della protezione civile".

Nel 2008, Piacenza è stata individuata come sede del Polo logistico nazionale di Protezione civile del Nord Italia per la sua posizione e per la sua vicinanza alle principali infrastrutture stradali e di comunicazione. La struttura era ospitata nell'area dell'ex Consorzio agrario e la Provincia si è fatta carico dell'affitto dei locali fino al 2013, quando la sede è stata chiusa.
I materiali e le attrezzature sono stati trasferiti in altri magazzini messi a disposizione della Regione Emilia-Romagna, a Bologna e a Tresigallo (Fe), in attesa della definizione di una nuova sede.

Nel 2016, con l'approvazione del nuovo Piano strutturale comunale di Piacenza, si è delineata una soluzione che soddisfava le esigenze di accessibilità e centralità della struttura. La sede del Centro nazionale, prevista in località Montale, sarà facilmente raggiungibile dagli accessi autostradali.

red/mn

(fonti: Giunta Regione Emilia Romagna, Comune di Piacenza)