Protezione civile: Italia e Svezia, realtà diverse, percorsi condivisi

Si è svolto venerdì 11 dicembre a Stoccolma un incontro fra i vertici della protezione civile italiana e svedese: "Incontro estremamente proficuo", ha commentato Helena Lindberg direttore generale della ProCiv Svezia. "Un percorso condiviso - ha affermato il capo DPC Fabrizio Curcio", che metteremo a disposizione di altri Paesi

Paesi molto diversi con realtà emergenziali diverse, ma con comuni progetti europei  e visioni affini sui temi della protezione civile e della prevenzione: si sono incontrati venerdì scorso  a Stoccolma  il Capo del Dipartimento della Protezione Civile italiana, Fabrizio Curcio, e Helena Lindberg, Direttore generale dell'Agenzia nazionale di protezione civile svedese. L'incontro è avvenuto presso la sede della Swedish Civil Contingencies Agency: filo conduttore la programmazione di future attività congiunte, la condivisione di proposte da portate a livello internazionale per dare nuova spinta alle azioni di prevenzione dei rischi e di preparazione alla gestione delle emergenze a livello europeo.
 
"Anche se l'esposizione ai diversi rischi è in alcuni settori profondamente diversa - ha spiegato Curcio - Italia e Svezia, da anni, condividono un percorso che mette al centro il cittadino, la sua consapevolezza e la sua preparazione in caso di necessità. Un approccio che continueremo a portare avanti, anche mettendo a disposizione di altri Paesi l'esperienza italiana e svedese - penso in particolare alla regione dei Balcani, del Nord Africa e del Medio Oriente, dove siamo già impegnati con diversi programmi europei di assistenza tecnica - allo scopo di condividere modelli e buone pratiche di protezione civile".

La visita è stata anche l'occasione per visitare il Centro Operativo nazionale della Protezione Civile svedese dal quale si coordinano le operazioni anti-incendio boschivo, tra cui quelle relative ai numerosi roghi che, nell'estate 2014, avevano richiesto anche l'intervento sussidiario di Canadair provenienti da Italia e Francia.

"È stato un incontro estremamente proficuo -, ha sottolineato Helena Lindberg - Nel corso del semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione Europea lo scorso anno abbiamo avviato due percorsi fondamentali: il risk assessment a livello nazionale in ogni Paese membro e il rafforzamento della cooperazione tra protezione civile e aiuti umanitari in caso di intervento in emergenza in Paesi terzi. Su questi punti strategici Italia e Svezia stanno continuando a lavorare, ma il nostro impegno sarà quello di stimolare sempre più anche tutti gli altri Stati, sfruttando anche le occasioni esercitative e i progetti europei che mi auguro continueremo a promuovere insieme".

 
red/pc
(fonte: DPC)