Bolzano, in corso imponenti opere sui bacini montani

Sono vicini all'ultimazione i lavori a Val di Vizze, con briglia di contenimento e barriera, e  Racines, con potatura e abbattimento d'alberi.

Lavori in corso nella provincia di Bolzano per quanto riguarda opere di contenimento per il dissesto idrogeologico, in corso di realizzazione sul Rio di Montegrande, con una briglia di contenimento e una barriera, e a Racines, con interventi sugli argini.

Nel corso del violento nubifragio del 4 agosto 2012 il Rio di Montegrande nel Comune di Val di Vizze era uscito dagli argini nonostante i consistenti lavori di messa in sicurezza svolti in precedenza a scopo preventivo. I maggiori problemi furono registrati in località Fossa Trues, dove furono danneggiati fra l'altro una casa privata e un maso. Per ridurre in futuro il rischio di frane l'Ufficio bacini montani nord dell'Agenzia per la Protezione civile già lo scorso anno ha iniziato la realizzazione di una briglia di contenimento e di un bacino di raccolta capaci di bloccare, in caso di eventi atmosferici violenti, fino a 70.000 metri cubi di materiale.

La costruzione della briglia di contenimento e dell'antistante barriera destinata a bloccare il materiale di minori dimensioni è stata ora ultimata. I lavori per la realizzazione del bacino di raccolta sono in stato avanzato e saranno conclusi entro la fine del prossimo anno, spiega il direttore d'ufficio Alexander Pramstraller. Nei prossimi due anni i lavori prevedono l'adeguamento della cunetta di roccia e calcestruzzo e la messa in sicurezza di una abitazione che sorge nelle immediate vicinanze grazie a una struttura di protezione.

I costi complessivi del progetto, originariamente realizzato da Paul von Hepperger, ammontano a 3,3 milioni di euro. Direttore dei lavori è il direttore d'ufficio Alexander Pramstraller, mentre per la loro realizzazione sono al lavoro Hubert Rungger e la sua squadra.

Per quanto riguarda il lavoro svolto nel territorio comunale di Racines, nel corso dei lavori di manutenzione dei corsi d'acqua un intervento che viene svolto con regolarità è il taglio della vegetazione presente sulle zone arginali, la potatura e l'abbattimento degli alberi in caso di necessità per ragioni di sicurezza. La recente ondata di maltempo ha fatto sì che queste ragioni siano sopraggiunte proprio in queste settimane. "Obiettivo di questi interventi è di innalzare il livello di sicurezza dalle piene", spiega il direttore dell'Agenzia per la Protezione civile Rudolf Pollinger. Lungo il corso del Rio di Giovo sono già conclusi gli abbattimenti programmati. Lungo il Rio Caspineto i lavori sono invece ancora in corso. A dicembre Roland Langgartner e la sua squadra guidata dal direttore lavori Andreas Vettori opereranno lungo il Rio dei Ronchi.

Dopo il violento maltempo della fine di ottobre anche nella valle di Tinnetal sono in corso lavori per la sistemazione delle zone colpite. Hubert Rungger e la squadra dei suoi operai stanno in questi giorni sistemano le protezioni arginali del Rio Nockbach. "Su questo corso d'acqua sono necessari lavori di sistemazione e di parziale ricostruzione degli argini" spiega Vettori. Entro dicembre i lavori, del costo complessivo di 70.000 euro, saranno ultimati.

red/gp

(Fonte: USP)