Ravenna, torna il progetto per il volontariato dei giovani

Lavori in Comune è un progetto di volontariato e cittadinanza attiva per ragazzi e ragazze dai 14 ai 19 anni. Disponibili 700 posti suddivisi in 64 percorsi differenziati, dal 17 giugno al 6 settembre

Da lunedì 10 e fino a giovedì 13 giugno saranno aperte le iscrizioni per la partecipazione alla ottava edizione di Lavori in Comune, il progetto promosso dall’assessorato al Decentramento del Comune di Ravenna, che consente a ragazzi e ragazze dai 14 ai 19 anni di dedicare parte dell’estate a progetti di volontariato a favore della comunità. Quest’anno sono ulteriormente aumentati sia i posti disponibili, sia il ventaglio delle proposte alle quali poter aderire. Un’importante novità da sottolineare è l’apertura di una sede in più per le iscrizioni, oltre a quelle già attive negli anni scorsi: sono disponibili 700 posti suddivisi in 64 percorsi differenziati, dal 17 giugno al 6 settembre.

La maggior parte dei laboratori dura una settimana e richiede un impegno di circa 4 ore giornaliere dal lunedì al venerdì, ma non mancano le eccezioni, con laboratori più lunghi e orari diversificati in base al progetto proposto (nel pieghevole illustrativo sono opportunamente segnalate tutte le eccezioni, nonché le informazioni generali).

Fra le novità del 2019, da segnalare, fra gli altri, i percorsi di volontariato presso il museo Classis, a sostegno delle attività di accoglienza turistica e il supporto all'accoglienza e accompagnamento in spiaggia a favore di persone affette da patologie invalidanti.

Ciascun partecipante iscritto avrà modo di mettere a disposizione impegno e capacità nell’area tematica prescelta: chi si dedicherà all’ ambiente, chi all'arte e alla cultura, chi al sociale e all'educazione, o ancora alla tutela dei beni comuni, alla comunicazione, alla solidarietà e al turismo.

Per maggiori informazioni sulle singole attività, sulle modalità di iscrizione, nonché per scaricare il materiale informativo ed il modulo di iscrizione, si prega di consultare il sito.

red/gp

(Fonte: Comune di Ravenna)