Renzi su salvataggio speleo in Germania ''Fieri del CNSAS''

Un importante riconoscimento per lo straordinario lavoro dei volontari del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico: il messaggio di congratulazioni del premier Matteo Renzi per l'ottimo esito delle operazioni di soccorso allo speleologo tedesco bloccato in grotta da 11 giorni

"Desidero congratularmi con i volontari del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico che sono stati decisivi per le operazioni di salvataggio in Alta Baviera di uno speleologo tedesco". Ad affermarlo è il presidente del Consiglio, Matteo Renzi  un una nota diffusa oggi pomeriggio da palazzo Chigi. "Un recupero delicato - prosegue - nel quale i nostri specialisti del Servizio Nazionale della Protezione Civile hanno portato un contributo determinante di cui il governo italiano e fiero".

Queasta mattina infatti ha avuto termine l'incubo dello speleologo tedesco
Johann Westhauser, investito e gravemente ferito da una caduta massi alle 01:30 dell'8 giugno scorso mentre si trovava nel ventre della terra, a  -980 metri di profondità nella più grande grotta della Germania, la Riesending-Schachthöhle, in alta Baviera. Dopo 11 giorni di dolore e fatica lo speleologo è stao tratto in salvo grazie alle operazioni di soccorso messe in campo da un team internazionale di professionisti speleologi  composto  da squadre tedesche, austriache, svizzere, croate e da 109 tecnici del CNSAS  fra cui dai 5 medici e 3 paramedici, che hanno avuto un ruolo determinante nel buon esito della difficilissima operazione di recupero.

red/pc