Ricostruzione e restauro:
il laboratorio aquilano

Dal 7 al 9 luglio Monticchio (AQ) ospiterà il primo Salone della Ricostruzione: una vetrina specialistica dedicata al restauro, alle tecnologie, alla bioarchitettura e alla ricostruzione di qualità

A due anni di distanza dal terremoto, L'Aquila ospiterà il primo "Salone della Ricostruzione - Restauro, Innovazione, Green economy", in programma a Monticchio (AQ) dal 7 al 9 luglio. Sarà l'occasione per parlare di restauro, tecnologie e qualità delle nuove edificazioni e della bioarchitettura, oltre che delle proposte più innovative per la ricostruzione nei 57 comuni del cratere sismico e per il restauro del patrimonio culturale danneggiato con il terremoto.

Da questo punto di vista, L'Aquila rappresenta un grande laboratorio in cui sperimentare nuove tecnologie e nuovi materiali. "Questa manifestazione rappresenta il luogo ideale in cui affrontare le problematiche del 'ri-costruire'" - ha dichiarato il presidente di ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) Abruzzo, Giuseppe Girolimetti, in occasione della presentazione del Salone - "Un'occasione per rispondere alla crescente richiesta di innovazione e qualità, di accessibilità e sicurezza, per chiamare a raccolta l'intera filiera del settore nella ricerca e nell'adozione di un modello che permetta a L'Aquila e a tutto il territorio colpito dal sisma di diventare un modello internazionale della nuova qualità del costruire e del ristrutturare".

"Informare sui modi di ricostruire bene tout court è fondamentale" - ha sottolineato il Presidente della Regione Gianni Chiodi - "E' importante puntare a una ricostruzione edilizia dei comuni interessati dal sisma di due anni fa con innovativi procedimenti antisismici". Concorda con Chiodi Mario Zoccatelli, presidente di GBC - Green Buildin Council Italia, che ha aggiunto: "La ricostruzione de L'Aquila rappresenta un'opportunità per ripensare la città e il territorio su basi di sostenibilità, introducendo edifici non solo antisismici, ma anche rispettosi dell'ambiente".

Attraverso mostre e allestimenti, al Salone saranno presentati i lavori realizzati e le tecniche innovative sia per il settore dell'edilizia che per quello del restauro, mentre incontri e convegni offriranno l'occasione per creare momenti di confronto su temi quali lo stato della ricostruzione, il social housing, la green economy, la bioedilizia e le tecnologie innovative per la protezione dal rischio sismico.


L'evento - promosso da ANCE Abruzzo e dall'agenzia di comunicazione CARSA srl e realizzato in collaborazione con BolognaFiere-SAIE, Verona Fiere e GBC Italia - sarà aperto al pubblico, alle imprese edili e a tutta la filiera del settore, alle componenti produttive e a tutte le istituzioni pubbliche che possono contribuire alla ricostruzione.



Redazione