Rimozione Concordia, Gabrielli: ''Lavoro di squadra ed eccellenze italiane alla base del successso''

Il capo Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, nell'ambito dei ringraziamenti ai protagonisti del buon esito della rimozione della Concordia, ha visitato lo stabilimento di Sant'Ilario d'Enza (PR) della società Fagioli, azienda italiana che ha dato un contributo determinate alle operazioni

Ringraziare alcuni degli ingegneri e tecnici italiani che tanto hanno contribuito alla positiva riuscita del progetto di rimozione della Concordia: è stato questo  l'obiettivo principale della visita di venerdì scorso del Capo del Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, invitato nella sede di Sant'Ilario d'Enza (Parma) dai vertici della società Fagioli. "Un'azienda di eccellenza del nostro Paese - scrive il DPC -  che il Prefetto ha potuto visitare accompagnato dal Presidente, Alessandro Fagioli, dall'amministratore delegato, Fabio Belli, e dai direttori Paolo Cremonini, Moreno Massetti, Andrea Massera, Fabrizio Ferrari, Anselmo Speroni, Riccardo Tippmann".

L'incontro è stato l'occasione non solo per ricordare l'incredibile lavoro svolto, insieme a numerose altre realtà italiane ed estere, per ideare e realizzare il parbuckling prima, il rigalleggiamento e il trasferimento della Concordia a Genova poi, ma anche per conoscere nel dettaglio la complessa attività di Fagioli nel mondo, dalle sfide del passato a quelle dell'immediato futuro.

"Ho sempre sostenuto che il grande valore aggiunto nella positiva gestione dell'emergenza Concordia sia stato il lavoro di squadra svolto tra pubblico e privato e, nell'ambito di quest'ultimo, da alcune eccellenze italiane", ha detto Franco Gabrielli. "Essere oggi nella sede di una di queste eccellenze, Fagioli, poter vedere mezzi e strumentazioni, ascoltare le idee e i progetti che i vertici dell'azienda hanno per il futuro e percepire la grande passione che anima quotidianamente chi vi lavora è una bella carica di positività. L'Italia è ricca di esempi simili in diversi settori, l'intero Paese dovrebbe impegnarsi nel valorizzarli e promuoverli di più e meglio".

red/pc

(fonte:DPC)