#RipartidaiSibillini: si è concluso il social tour solidale nelle zone colpite dal terremoto

Per cinque giorni, oltre 20 tra blogger e instagramers, provenienti da diverse parti d'Italia, hanno percorso itinerari mozzafiato nelle province di Macerata, Fermo ed Ascoli Piceno. Qui il resoconto del trekking "In cammino sui Sibillini"

Domenica 22 ottobre si è conclusa la seconda edizione del social tour solidale #ripartidaisibillini, iniziativa nata con l'obiettivo di rilanciare il turismo nelle zone montane colpite dal sisma tra Marche e Umbria. Per cinque giorni, oltre 20 tra blogger e instagramers, provenienti da diverse parti d'Italia, hanno percorso itinerari mozzafiato nelle province di Macerata, Fermo ed Ascoli Piceno per raccontare la bellezza di questi territori in modo volontario e completamente gratuito.

Tanti i Comuni toccati dai quattro itinerari tematici esperienziali
previsti dagli organizzatori, "Erbe spontanee, profumi e sapori dei Sibillini", "Monti Sibillini, mangia e bevi", "In cammino sui Sibillini" e "I borghi dell'acqua". Bloggers e instagramers hanno attraversato Roccafluvione, Comunanza e Montemonaco, in provincia di Ascoli Piceno, Montefortino, Smerillo e Amandola in provincia di Fermo, Belforte, Serrapetrona, Valfornace, Muccia, Camerino, Cessapalombo, Caldarola, Monte Cavallo, Visso, Pieve Torina e Fiastra in provincia di Macerata e hanno anche fatto tappa in Umbria: a Foligno, Sellano e Cerreto di Spoleto.

Tutti i partecipanti ai quattro itinerari del social tour si sono riuniti domenica 22 ottobre a Fiastra per un pranzo solidale durante il quale sono stati raccolti fondi per il progetto in sostegno degli allevatori locali "Adotta una stalla".

Per quanto riguarda il tour "In cammino sui Sibillini", iniziato venerdì 20 ottobre, la prima tappa è stata il ristorante "Il Nido dell'Aquila", a Monte Cavallo (MC). Le scosse di ottobre 2016 hanno reso inagibile la vecchia sede del locale, ma il proprietario, nonché cuoco, Renzo Budassi, non ha gettato la spugna e il ristorante ha riaperto ad aprile 2017 in una struttura di legno composta da due locali, con un grande spazio esterno. Da ottobre ad aprile, Budassi -
sfollato con la sua famiglia al Natural Village di Porto Potenza Picena - ha percorso ogni giorno più di 150 km per preparare da mangiare ai terremotati di Monte Cavallo, alle forze dell'ordine e a quanti si trovavano in zona per fronteggiare l'emergenza terremoto. La sua tenacia non è passata inosservata e in suo aiuto si sono mossi alcuni imprenditori trevigiani e la Regione Marche che hanno finanziato e realizzato il nuovo ristorante in legno.

Il gruppo del trekking, nel pomeriggio di venerdì, è partito da Fematre, nel comune di Visso, in direzione del rifugio Casale Saliere, sul versante sud del monte Fema. Qui bloggers e giornalisti sono stati accolti da Andrea Salvatori, del circuito Rifugi dei Sibillini, che gestisce questa e altre strutture ricettive (Rifugio del Fargno, Capanna Ghezzi e Casale Argentella). Dopo il terremoto Capanna Ghezzi è stata dichiarata inagibile, ma questo non ha abbattuto Salvatori che ha deciso di ristrutturare Casale Saliere e allargare la rete dei rifugi.

Dopo aver trascorso la notte al casale, sabato mattina, i partecipanti al trekking
si sono messi in cammino per raggiungere la vicinissima Riserva integrale di Torricchio, all'interno della quale sono stati accompagnati dal prof. Andrea Catorci dell'Università di Camerino. La giornata di sabato, poi, è proseguita nel comune di Fiastra, dove bloggers e instagramers sono partiti in escursione per le spettacolari Lame Rosse, con i loro caratteristici camini delle fate. Il gruppo si è poi fermato al Rifugio di Tribbio, sopra il lago di Fiastra. La struttura, gestita da Giancarlo Ricottini, non ha subito nessun danno a causa del terremoto e il gestore ha proseguito la sua attività con impegno e passione.

Per vedere le magnifiche foto scattate da blogger e instagramers in tutti e quattro gli itinerari digitate l'hashtag #ripartidaisibillini2 sui social (Instagram, Facebook e Twitter).

Il tour #ripartidaisibillini2 è realizzato da un gruppo di bloggers marchigiani, in collaborazione con Confcommercio Marche Centrali, IgersItalia, IgersMarche, Associazione Italiana Travel Blogger ed Associazione Sibillini Segreti e Sapori. L'iniziativa è stata ideata da Luca Tombesi dopo il terremoto del 24 agosto 2016. Dal 12 al 16 ottobre 2016 si è svolta la prima edizione del social tour, proprio con l'intento di promuovere il territorio. Dopo le terribili scosse del 26 e del 30 ottobre, poi, la rete di #ripartidaisibillini si è allargata sempre di più.

Martina Nasso