Rischio alluvioni: la resilienza si impara a scuola

Sviluppare resilienza nell'ambito di eventi alluvionali: in attuazione di una specifica misura di preparazione programmata nel Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni, l'Autorità di Bacino delle Alpi orientali ha proposto corso di aggiornamento e formazione per i docenti della scuola secondaria della provincia di Vicenza, con esiti molto positivi

Preparazione della popolazione scolastica agli eventi alluvionali, sicurezza e autoprotezione, comunicazione del rischio, sistemi di allertamento (early warning systems) in caso di alluvioni: questi i temi cardine del corso di aggiornamento e formazione proposto dall'Autorità di Bacino delle Alpi orientali alle scuole secondarie della provincia di Vicenza. Il corso è stato finalizzato alla preparazione dei docenti sui temi del rischio di alluvioni e alla preparazione della risposta della popolazione scolastica in caso di allertamento per un evento di piena fluviale. L'Autorità di bacino dei fiumi Isonzo, Tagliamento, Livenza, Piave, Brenta e Bacchiglione continua in tal modo ad impegnarsi sul fronte dell'educazione: la proposta didattica rivolta al corpo docente di una delle province del distretto delle Alpi orientali più colpite dall'alluvione del 2010, ha costituito una prima attuazione di una specifica misura di preparazione (codice M43) programmata nel Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni, ultimato il 22 dicembre 2015, di cui alla direttiva 2007/60/CE. Il progetto didattico sarà esteso ad altre province del Distretto delle Alpi orientali per l'anno scolastico 2016/2017.

L'approccio del corso è stato multidisciplinare: dalla geografia alle scienze (ecologia, idrologia, geologia), storia, educazione civica, tecnologia, informatica, sicurezza.
Gli obiettivi raggiunti:
- coinvolgimento dei Docenti nell'attuazione di misure di preparazione;
- sviluppo delle competenze per una risposta consapevole della popolazione scolastica al rischio di alluvione;
- miglioramento della percezione del rischio specifico;
- sviluppo delle  conoscenze in materia di alluvioni e apprendere nuovi paradigmi di valutazione del rischio (dalla difesa - alla resilienza e preparazione all'evento);
- accrescimento della diffusione, dell'accesso e dell'uso di tecnologie informatiche e della comunicazione del rischio di alluvione nella scuola;
- miglioramento dei sistemi di facilitazione e sperimentare nuove tecniche di partecipazione e collaborazione con il corpo docente.

Ha previsto infatti l'utilizzo di applicazioni informatiche di comunicazione sviluppate nell'ambito del progetto di ricerca europeo WeSenseIt (caso studio per la Città di Vicenza). WeSenseIt è un progetto finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del 7° Programma Quadro che ha lo scopo di migliorare il sistema di monitoraggio in tempo reale delle piene fluviali, integrando l'informazione proveniente da modelli predittivi con l'utilizzo di sensori di misura innovativi che possono anche essere utilizzati direttamente dai cittadini. Inoltre il sistema sfrutta l'intelligenza collettiva dei cittadini attraverso il monitoraggio dei social network e l'uso di applicazioni per smartphone opportunamente progettate.
Buona la partecipazione da parte dei docenti, alcuni dei quali hanno anche aderito ad un programma di monitoraggio pluviometrico con l'uso di strumenti a basso costo consegnati dall'Autorità di bacino agli istituti di provenienza dei docenti stessi.


Il programma, studiato dalla dott.ssa Laura Dal Pozzo, funzionario dell'Autorità di bacino, è stato svolto in quattro incontri nei mesi di febbraio e marzo (vedi dettaglio in calce).

red/pc
(fonte:Autorità di Bacino - Distretto Alpi Orientali)



Programma:
I INCONTRO (Francesco Baruffi, Michele Ferri)
• PREVENZIONE, PROTEZIONE E MITIGAZIONE DEL RISCHIO DI ALLUVIONI
La protezione non è assoluta: strutture di difesa e rischio residuo.
I fenomeni alluvionali: cosa ci insegna la storia? Cos'è il tempo di ritorno di un'alluvione? Imparare a leggere le mappe del Piano di Assetto Idrogeologico e del Piano di gestione del Rischio di Alluvioni (allagabilità e rischio): cosa ci possono raccontare? Spazio di approfondimento: imparare a convivere con gli eventi. Le alluvioni e la Comunità Europea.


II INCONTRO (Laura Dal Pozzo)
• PREPARAZIONE DELLA POPOLAZIONE SCOLASTICA
Le misure di mitigazione del rischio: cosa fare e cosa non fare in caso di alluvione.
Risorse per la scuola per la preparazione degli studenti e delle famiglie. Lavoro di gruppo e dibattito con facilitatore: spunti e idee da proporre agli studenti sulle misure di prevenzione e preparazione (redigere un piano per una campagna informativa nella propria scuola, redigere un meeting planner familiare, intervistare, redigere i materiali informativi per prepararsi all'alluvione). Gioco-test Aware & Resilient; gioco-test Emergency problem solving (teacher tools 6to6: scenari e azioni conseguenti).


III INCONTRO (Martina Monego, Daniele Norbiato, Giovanni Tomei)
• EARLY WARNING SYSTEMS
Il progetto europeo WeSenseIt. App: test e pratica d'uso. Canali di informazione e comunicazione. Il portale WeSenseIt per il cittadino: l'interazione via web e attraverso il social networking.


IV INCONTRO
• USCITA ED ESERCITAZIONE
Chi fa cosa, perché, quando, dove, con chi, come: l'autorità comunale di protezione civile ed il suo staff tecnico, il prefetto, l'ufficio stampa e i media, i volontari, i cittadini...


A questo link i materiali del corso e la brochure: http://didattica.adbve.it/