Rischio idrogeologico,
Bertolaso: "A settembre
distribuito un miliardo"

A Catanzaro per presentare il piano degli interventi contro il dissesto idrogeologico della regione Calabria

In Calabria, a Catanzaro, per presentare il piano di interventi, il Vice Capo Dipartimento ha annunciato che il miliardo di Euro stanziato con la Finanziaria è destinato alla messa in sicurezza contro il dissesto idrogeologico verrà distribuito alle regioni in settembre. ''E' gia' stata fatta una riunione tra gli uffici delle Regioni del ministero - ha affermato Bertolaso, e la ripartizione e' stata definita. A settembre sara' firmato l'accordo di programma per concertare le attivita' nelle regioni''.

Il capo della Protezione Civile ha anche ricordato che ''il ministero delle Infrastrutture ieri ha stanziato altri 4 mln di euro per la Salerno-Reggio Calabria, che serviranno soprattutto per la sicurezza. "Garantiranno -ha spiegato Bertolaso- la presenza dei vigili del fuoco, del 118 e della Protezione Civile che vicino a Villa San Giovanni, dove sono in corso i lavori particolarmente complicati, possono garantire interventi urgenti in caso di necessita'. Ho alzato la voce nei giorni scorsi con le Autorita' competenti per evitare che lasciassero i presidi. I vigili del fuoco mi hanno assicurato che confermano l'assistenza sull'autostrada in questi giorni che si preannunciano da bollino nero''.

Contro la vecchia giunta Loiero. 
Bertolaso è poi intervenuto sui rapporti con la vecchia giunta calabrese, governata da Agazio Loiero. "E' nota la mia disponibilita' -  ha affermato - anche con il governo precedente, ma probabilmente soffriva di una serie di problematiche interne che non gli ha consentito di attuare gli interventi''. Secondo il sottosegretario la Regione aveva le giuste professionalita' ma non ha saputo gestire bene i fondi assegnati. ''Anche a Vibo e Bivona non tutto e' stato gestito al meglio, ora stiamo rimodulando gli interventi post emergenza. Forse c'era la necessita' di collegare la Protezione Civile al settore dei lavori pubblici'', ha aggiunto Bertolaso. ''Ordinanza e regolamenti sono importanti -ha concluso- ma poi la differenza la fanno le persone''.


(red)