Rischio valanghe su Alpi e Monti Sibillini: massima prudenza

Le recenti nevicate e le condizioni climatiche hanno fatto scattare il pericolo di valanghe, elevato sui Monti Sibillini e in Friuli Venezia Giulia, moderato sulle Alpi Piemontesi, Liguri e Venete

Elevato pericolo di valanghe e distacchi di medie o grandi dimensioni nell'area dei Monti Sibillini. Lo comunica il Soccorso Alpino e Speleologico dell'Umbria che esorta alla massima prudenza scialpinisti, ciaspolatori e quanti altri si rechino in questi giorni ad effettuare fuori pista nell'area dei Monti Sibillini, ricordando di valutare attentamente le condizioni del manto nevoso prima di intraprendere qualunque uscita e comunque di dotarsi sempre dei fondamentali strumenti di autosoccorso, ovvero Artva, pala e sonda. In seguito alle recenti nevicate e alle attuali condizioni climatiche infatti si registra in questi giorni un elevato pericolo e una elevata probabilità di distacchi e singole valanghe di medie e grandi dimensioni, in particolare lungo i pendii al sole.

E' rischio valanghe anche in altre regioni: secondo quanto pubblicato dal bollettino AINEVA si ha un rischio di grado 3-marcato oltre ai Monti Sibillini anche nelle Alpi e Prealpi Carniche, nelle Alpi e Prealpi Giulie e nel Gruppo del Canin in Friuli Venezia Giulia. Allerta di grado 2-moderato invece su tutta la fascia Alpina del Piemonte, sulle Alpi Liguri, sulle Dolomiti settentrionali e meridionali, sulle Prealpi bellunesi, vicentine e veronesi.


Redazione/sm